17/04/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> 20 Giugno: il Bartoccio è femmina

20 Giugno: il Bartoccio è femmina

Perugia, 20 Giugno 2009

Passato quil lontano 20 Giugno
pensamme d’ave’ vinto la partita
col Papa e la famija ‘n vaticano
e  t’qua lo stato e i su’ guèrni  a guerna’
 a lorca del popolo sovrano

‘Nvece più volte - e d’acqua n’è girata
sott’i Ponte - la storia ha sbugiardato
‘ste promesse, e ‘nco’ emme  da  regge’
l’ombrella del potere temporale
a fascisti razzisti e demagoghi
forzidioti de la più bassa Lega

E ‘l Papa e la  su’ corte oggi s’ artrova
‘n compagnia de Maometto a predica’
pe’ salva’ ‘l gregge dal politeismo,
ché si comanda l’Papi  vorrà di’
che de domineddio c’ n’èn più d’ uno
e ‘sto relativismo nun è bono

Anche si tal popolo sovrano
pare che je sta bene, e a porta Pia
altro che bersaglieri e colportori!
tra bégi e bella gente da congrega
potevono  sfonna’ tranquillamente
il Passator Cortese e Pulcinella

Così quanno giocamme tal pallone
‘nvece de canta’ l’inno de Mameli,
quillo ch’è morto a Roma pe’ difende’
- co’ Colomba Antonietti da Foligno -
l’idea de  fratellanza universale,
adé’  cantamme ‘nsieme co’ Apicella .
 

                     Bartoccio vive ed è femmina


 Insieme alla Bartocciata del 2009, pubblichiamo le due Bartocciate (o Pasquinate) uscite in occasione dei due ultimi anniversari:

1. Perugia, 20 Giugno 2007  

      Famuli dei …  

Dico: qualcuno che sta drento al Vaticano
ancor  pensa  d’avecce – paro paro –
‘l potere temporale tutto ‘n mano.

Ma qualcun altro avrà da gì a spiegaje
 che la famija, dopo porta Pia
È affar de Stato, nun è robba, via,
de preti, suore, frati e cardinali.

E manco, a volella  di’tutta
        - fino ‘n fondo –
de gente divorziata, accompagnata,
dove la pij pij: ’ncasinata
che la domenica, al posto de gi’ a messa
spesso se trova a  decide - tra la ressa -
 de’ che fijo, o moje,o omo  è ‘l turno suo.

Ma quando chiama ‘l papa nun c’è storia:
tutti in piazza  a difende la famija
da Roma, da Milano o Ceppaloni.
Come un sol uomo …e’n pajo de cojoni.

Pe’ conclude, che nun vojo annoià oltra
giusto p’esse capito, no pe’ sgarbo
me vien da di’, tal popolo italiano,
che l’ha da smette d’esse n’Italietta:
 “Alza la testa, su, rizza la schiena
che la famija  è ‘n sentimento vero
e a nissun se po di’ che nun je spetta”.

Ma anco  tal capo de santa madre chiesa,
‘na parolina  nun se po nun dilla:
“ Col rispetto dovuto  e  quil che segue,
santità papa Razzi,via,  essi bono,
nun te ‘ntignà e lassa gi’ ‘sti cazzi!” 

Si allunghi la minestra po’ succede
 che la gente alla fine se scojona
e allora va a fini’ che sbatti ‘l grugno
come ce testimonia ‘l 20 Giugno.”                                 
                             
                                 Bartoccio  vive  ed è femmina

2. Perugia, 20 Giugno 2008

Tal Papa e  tutta la su’ bella corte
de preti, cardinali e sagrestani
- compresi qui ruffiani del governo
ch’ avriono da gi’ tutti a l’inferno –
vorria dije che, pe’ bona sorte
- centotrent’anni e più da Porta Pia -
ogni donna pò di’ IO SONO MIA
senza che qualche corvo metta ‘l becco
su come ha da gestì la propria panza
o come affronterà ‘na gravidanza.

 St’atento, Papa Razzi, che le donne 
‘nn enno più come quille de ‘na volta.
A mo’ ‘n sem più putane né madonne
mettetol ben ‘n testa e a la tu’ corte
arcordije che ‘l rispetto de le morte
d’aborto, parto, violenza de famija
te chiede de tace’, perché la Vita
nun sta drento le stanze del Potere
e se tire la corda sbatte ‘l grugno
come ce ‘nsegna sempre ‘l 20 Giugno.

                                Bartoccio  vive ed è femmina




Silvana Sonno

Inserito martedì 16 giugno 2009


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5585535