07/04/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> I fondi del Piano per lo Sviluppo rurale vanno a fuinanziare la lotta "sexy" nella panna montata

I fondi del Piano per lo Sviluppo rurale vanno a fuinanziare la lotta "sexy" nella panna montata
Interrogazione di Dottorini alla Giunta Regionale


 “Come si spiegano certi investimenti, mentre l’agricoltura di qualità soffre una crisi senza precedenti?”

“Ci piacerebbe capire cosa c’entra la lotta femminile ‘sexi’ nella panna montata con i fondi per lo sviluppo rurale. Magari c’è sfuggito qualcosa, ma è giusto che qualcuno ci spieghi quali sono stati i criteri che hanno permesso di concedere un finanziamento a valere sui fondi per lo sviluppo rurale ad un evento che, a leggere il programma, prevede attività che poco o nulla hanno a che vedere con gli obiettivi individuati nel Psr”. Con queste parole il capogruppo regionale dei Verdi e civici Oliviero Dottorini annuncia di aver presentato un'interrogazione alla Giunta relativa al finanziamento di oltre 53mila euro concesso all'evento 'San Gemini Sweet Village' che si terrà nei giorni 30 e 31 luglio e che prevede nel proprio programma la presentazione della Moca di cioccolato più grande del mondo, la rottura della Moca del Guinnes e pioggia di cioccolato nonché, come riporta testualmente il pieghevole dell'evento, una “lotta nella panna montata femminile!!” con “Due bellissime e sensuali ragazze in bikini che si esibiranno in una accattivante e sexy lotta invitando i presenti a partecipare”.

“Già recentemente – spiega Dottorini – abbiamo avuto modo di evidenziare come il Piano di sviluppo rurale per l'Umbria avesse tenuto in scarsa considerazione l'agricoltura di qualità. Ora dobbiamo prendere atto della destinazione di fondi ad iniziative che difficilmente potranno rappresentare un sostegno alle attività turistiche ‘finalizzato al miglioramento della qualità dell’offerta di turismo rurale, a promuovere l’incontro tra domanda e offerta e all’integrazione dell’offerta turistico-enogastronomica, così come richiesto dalla misura specifica del Piano di sviluppo rurale per l'Umbria 2007-2013. E' opportuno infatti ricordare che l'obiettivo indicato dal bando è orientato allo sviluppo di servizi di supporto alle attività turistiche in termini sostanzialmente di promozione dell’offerta e diffusione delle conoscenze sulle peculiarità del territorio e sulle sue ricchezze culturali, nonché sull’identificazione territoriale delle sue eccellenze. Con tutta la buona volontà, non riusciamo a capire cosa c'entrino con questo obiettivo i concerti di Demo Morselli, la moca di cioccolato più grande del mondo e l’esibizione di disinibite ragazze in bikini impegnate in una ‘sexy lotta nella panna montata’. Ormai non ci meravigliamo più delle trovate alla Guarducci. Magari sarebbe opportuno evitare che siano i fondi del Psr a sostenere certe iniziative. Se non altro per rispetto dei tanti operatori umbri che sempre più devono fare i conti con risorse limitate e che oggi più che mai faticano a tenere in piedi le proprie attività, soprattutto quando sono rivolte alla qualità, al biologico, alla tipicità e alla sostenibilità ambientale. Ci pare pertanto che una spiegazione da parte dell’assessore sia doverosa”.  

Perugia, 29 luglio 2009



Oliviero Dottorini

Inserito giovedì 30 luglio 2009


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5095791