02/06/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Appello per Rudra Bianzino

Appello per Rudra Bianzino


La tragedia della famiglia Bianzino si commenta da sola. Il 12 ottobre 2007 al termine di una /brillante operazione/ antidroga i carabinieri arrestano Aldo Bianzino e la moglie Roberta Radici per coltivazione e possesso per uso personale di sei piantine di canapa indiana nel piccolo podere di Pietralunga. Aldo Ŕ un tranquillo quarantenne che alterna il lavoro nei campi con quello di falegname. Due giorni dopo l'arresto, nella notte del 14 ottobre, viene trovato morto nella cella del carcere di Capanne : per la direzione del carcere morto per cause naturali, per i familiari e i loro periti, e non solo per loro, morto a causa delle percosse ricevute. La moglie Roberta inizia una difficile battaglia legale : "Non so cosa pensare dello Stato, cosa pensare della giustizia" dichiara. Gli organi di informazione nazionali e regionali dopo il clamore dell'arresto dimenticano il caso. Due mesi dopo la morte di Aldo muore anche la sua anziana madre; il 16 giugno di quest'anno muore Roberta Radici. Rimane il figlio Rudra, sedici anni duramente messi alla prova. Ma si sa, lo Stato non transige e nell'attesa di assicurare alla giustizia i grandi trafficanti di droga si accanisce con chi, saltuariamente, si fa uno spinello.
Ora sulle spalle di Rudra ricade il peso, anche economico, di un processo che si prospetta lungo e difficile; il peso di un futuro incerto per sopravvivere e terminare i suoi studi, il peso della battaglia per accertare la veritÓ. Dobbiamo condividere con lui questi pesi, il dovere della memoria non Ŕ sufficiente. Non lasciamo solo questo ragazzo, aiutiamolo. Libera Umbria invita cittadini e associazioni democratiche a partecipare alla sottoscrizione versando anche un piccolo contributo sul conto corrente di Banca Etica. Iban : IT 61 R 05018 12100 000000 128 988. BIC : CCRTIT 2 T 84 A intestato a "Per Rudra Bianzino".



Inserito venerdý 7 agosto 2009


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5171715