17/01/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Le sfida dell'urbanistica di domani tra consumo e valorizzazione del territorio

Le sfida dell'urbanistica di domani tra consumo e valorizzazione del territorio
Fiera delle Utopie concrete, 8 e 9 ottobre a Città di Castello


Due i seminari l'8 e 9 ottobre a Città di Castello nell'ambito dell'edizione 2009 della manifestazione fondata nel 1988 da Alexander Langer

Alla Fiera delle Utopie Concrete il confronto sulle nuove prospettive con esperti di livello internazionale. Si parlerà di consumo del suolo e governo del territorio e di giusta misura per uno sviluppo capace di futuro delle nostre città

Analizzare il rapporto – sempre più conflittuale – che esiste tra le diverse istanze legate all'utilizzo del territorio: edificazione, realizzazione di infrastrutture, coltivazione di cibo e produzione di energia. Sarà questo l'argomento di due giornate di studi che la Fiera delle Utopie Concrete proporrà nell'ambito della prossima edizione della manifestazione, in programma a Città di Castello dall'8 all'11 ottobre. Tema “caldo” a livello internazionale e anche nella nostra “verde” Umbria, come testimoniano i sempre più frequenti interventi delle associazioni ambientaliste che denunciano il pericolo di un'eccessiva cementificazione del territorio. E che si trova al centro dell'agenda politica di molte amministrazioni locali, non ultima anche quella di Città di Castello, dove è in atto la revisione del Piano Regolatore Generale. Come da tradizione per la Fiera, fondata nel 1988 dal grande pacifista e ambientalista altoatesino Alexander Langer, nei due seminari di venerdì 8 e sabato 9 ottobre al Circolo degli Illuminati di palazzo Bufalini, si confronteranno diversi esperti in materia per proporre possibili soluzioni oltre che per analizzare, ovviamente, le storture dell'esistente. Nello spirito che da sempre contraddistingue la manifestazione - vero e proprio laboratorio per l'elaborazione e la trasmissione di esperienze, soluzioni e conoscenze di sostenibilità ecologica dell'economia e della società - infatti, i due appuntamenti saranno anche occasione per toccare con mano eccellenti esempi dell’uso del suolo per quanto riguarda nuove costruzioni (Am Kronsberg), riutilizzo dell’esistente (Vauban) e valorizzazione del verde in città (Cintura Verde di Francoforte). Il tutto nell'ottica di uno studio approfondito delle nuove prospettive (e relative responsabilità) che si aprono per le amministrazioni locali nell'ambito dei Piani regolatori e dei Contratti di quartiere.
Venendo al programma di questi primi due giorni della Fiera (che sarà dedicata interamente al tema della “Giusta misura”, intesa come ricercata unione tra stili di vita personali più equilibrati e auto-limitazione nello sfruttamento delle risorse naturali), giovedì 8 ottobre si discuterà di consumo del suolo e governo del territorio. In particolar modo si parlerà di valore e consumo di suolo con Maria Cristina Treu, del Politecnico di Milano; di urbanizzazione, bilancio comunale e democrazia con Domenico Finiguerra, Sindaco di Cassinetta di Lugagnano, in provincia di Milano; di come limitare la frammentazione del paesaggio con Gertrude Penn-Bressel, dell'Agenzia Federale Ambientale di Berlino; e di governance dei conflitti territoriali con Carlo Donolo, Professore ordinario di Sociologia economica presso la Facoltà di Scienze Statistiche dell'Università di Roma “La Sapienza”. Il giorno seguente si parlerà invece della giusta misura per uno sviluppo capace di futuro delle nostre città, in un seminario introdotto e coordinato da Franco Marini, presidente dell'Istituto nazionale urbanistica dell'Umbria. Nella mattinata si discuterà di come far tornare i residenti nei centri storici, fermare il cemento e l’asfalto nelle campagne con Paolo Berdini, Docente di Urbanistica presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università Tor Vergata a Roma; di tutela per il patrimonio culturale con Manfred Kühne, Direttore della Sovraintendenza per i Beni Culturali di Berlino; di salvaguardare la vivibilità, l’identità storica e culturale delle città e del territorio con Pier Luigi Cervellati, Professore ordinario di Progettazione e riqualificazione urbana e territoriale presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV). Infine, l'attenzione verrà focalizzata sul Piano Regolatore come strumento di riqualificazione e di scelte strategiche, con l'intervento di Gianluigi Nigro, Docente Università di Architettura di Roma, e sul ruolo dei contratti di quartiere nell'ottica di un nuovo modo di pensare l'urbanistica, con Alessandro Bracchini, Architetto-Urbanista.




Inserito giovedì 24 settembre 2009


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5456194