22/04/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Monte Malbe: e se ne facessimo un parco?

Monte Malbe: e se ne facessimo un parco?
Pensiamo a come procedere per difendere Monte Malbe: basterebbe esprimere un atto di volontà politica - LEGGI IL COMMENTO

Buongiorno (benchè con nebbia),

mi è piaciuto il comunicato su Eurochocolate, solo che troppi potentati cittadini sono coinvolti in questa schifezza e credo che non si riuscirà ad intaccare questo stupro della città. Purtroppo la fantasia manca, a imprenditori e amministratori locali, non credo siano disponibili a cambiare l'assetto profondo in qualcosa di più fine, colto, rispettoso dei luoghi benchè sempre allegro!

Volevo fare una proposta:

Monte Malbe è il luogo con il verde più spesso e compatto più vicino alla città. Non è vissuto in modo corretto dalla cittadinanza perchè è attraversato senza alcuna regola nei suoi tanti sentieri, strade, stradine, macchine, moto, cacciatori e centauri (e poi... semplici camminatori "assediati" da puzza rumore e pericolo).

Eppure...eppure la comunità montana ha fatto e sta facendo (perché evidentemente ancora non è finito) un gran lavoro per segnare, segnalare manutenere e descrivere interessanti percorsi che possono essere fatti a piedi o in bici, godendo del silenzio e della bellezza del bosco, respirando una buonissima aria, godendo dei panorami che si scorgono ogni tanto. Quei sentieri anche percorsi da moto, sono ad essi dedicati? non è completamente diverso anche dal punto di vista economico manutenere un sentiero fatto per "camminare" o al massimo per bici da un sentiero che viene usato da moto come fosse una pista da motocross? la comunità montana è attenta a tutelare ed rendere efficiente ed anche economico il suo lavoro? alla fine la paghiamo sempre noi cittadini!

Mi chiedo: ma perchè non viene in mente a nessuno di tutelare davvero il Monte Malbe? è vero, è molto edificato, ma basterebbe esprimere un atto di volontà politica, lavorare con calma su una bella carta del territorio e tentare di fare una proposta per tutelare la parte ancora intatta di quel nostro verde (che a occhio sembra essere ancora la maggior parte), fino al parco della Trinità.
A proposito della Trinità, direi che "parco" è parola grossa per quel cerchietto in cima al colle, ma sebbene proprio piccolo e modesto, è servito a bloccare, prima della morte definitiva, le lottizzazioni che lo hanno assediato fin dagli anni '60.

Connotare a parco e tutelare davvero il Monte del Malbe potrebbe sollecitare più cittadini a viverlo. Perchè solo i buoni frati del convento sono capaci di mantenere il segreto di una sua parziale tutela? è proprio necessario per tutelare mettere un robusto insormontabile muro? mica chiediamo di recintare tutto Monte Malbe ed aprirlo solo a pochi intimi! semplicemente porlo sotto la tutela di parco, con regole precise di comportamento e di uso.

Pensiamo a come procedere per difendere Monte Malbe in modo davvero più concreto da macchine, cacciatori, moto che lo percorrono senza regole in ogni dove, iniziando da una regolamentazione al suo accesso motorizzato e "armato", suggerendo ai nostri amministratori questo atto che io ritengo ormai necessario per il nostro territorio.

Grazie per la attenzione.
Un saluto cordiale.



Rita Vincenti

Inserito domenica 8 novembre 2009


Commenta l'articolo "Monte Malbe: e se ne facessimo un parco?"

Commenti

Nome: roberto
Commento: L'idea mi sembra molto interessante e l'appoggio volentieri. Bisognerebbe trasformare l'idea in proposta politica utilizzando, ad esempio, una delle forme di partecipazione popolare prevista dal regolamento del comune: istanza, petizione o referendum. Lo slogan di lancio potrebbe essere: "chi vuol fare di Monte Malbe un parco metta l'dito di qui sotto!" e intanto saremmo in due...

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5592790