14/04/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Capo corrotto nazione infetta

Capo corrotto nazione infetta
L'articolo di Alberto Asor Rosa


áUn fiume di fango corre per l'Italia. Le sue acque sono alimentate soprattutto dal corpaccio immenso e immensamente ramificato dal centrodestra; ma il suo corso Ŕ talmente possente e impetuoso che, come suole, ha rotto gli argini e invaso i territori circostanti, quelli del centrosinistra, dai quali, a loro volta, provengono al fiume principale rivoli, ruscelli, scarichi obbrobriosi e maleodoranti (Bologna, Firenze, Abruzzo, Roma, Napoli....). Altro che Tangentopoli! Quello era - o sembrava - un fenomeno circostanziato e dunque particolare di corruzione di una frazione del ceto politico, fronteggiato da un forte schieramento delle forze politiche e della societÓ civile. Oggi il fenomeno tende a generalizzarsi, abbatte i confini fra societÓ politica e societÓ civile, non incontra ostacoli altrettanto significativi di allora, si configura dunque come un carattere speciale, peculiare, della societÓ nazionale italiana in questa fase storica.
La corruzione, a dir la veritÓ, Ŕ sempre stata un connotato molto peculiare del modo d'essere nazionale italiano. Un paese dalle strutture politiche e civili estremamente fragili e dall'arrendevole senso etico-politico non poteva non coltivare la corruzione come un indispensabile e incostituibile strumento di sopravvivenza....

Leggi tutto l'articolo su

http://www.ilmanifesto.it/archivi/commento/anno/2010/mese/02/articolo/2364/





Inserito martedý 23 febbraio 2010


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5581503