17/04/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Dedicata a tutti i simpatici amministratori...

Dedicata a tutti i simpatici amministratori...
La storia di Rachel morta a 13 mesi, e delle mense di Adro, e del clima di segregazione ed esclusione che si respira in Italia - con una poesia di Bertolt Brecht

La sera del 3 marzo, la piccola Rachel, 13 mesi, ha dei violenti attacchi di vomito. Al pronto soccorso di Cernusco sul Naviglio, il medico la dimette subito. Ma alle due di notte il padre torna al pronto soccorso: la bimba sta sempre peggio.
Il personale risponde che "la bambina ha la tessera sanitaria scaduta, non possiamo ricoverarla e neanche visitarla di nuovo". Infatti il padre, Tommy Odiase, nigeriano, ha un permesso di soggiorno scaduto perché disoccupato.
Poche ore dopo, la piccola Rachel muore. Ora la Procura indaga per "omicidio colposo".
Riprendo la notizia dalla pag. 18 dell'Unità del 15 aprile (un mese e mezzo dopo il tragico episodio). Non l'ho vista o sentita altrove.
Ma è l'apice dell'applicazione delle sciagurate norme segregazioniste che oggi hanno vigore in Italia. Intanto, un po' più scalpore (ma neanche tanto) hanno suscitato le esclusioni di bambini dalle mense per morosità dei genitori.
Si tratta per lo più di bambini di famiglie straniere, ma ormai tra di loro ci sono anche molti bambini "italiani" o "padani". Si comincia a colpire il diverso, il più debole, e pian piano si restringe l'area dei diritti e della vita civile.
Come sintesi del clima attuale,
Giancarlo Cavinato ci manda una poesia di Brecht, con dedica.

Dedicata a tutti i simpatici amministratori di Montecchio maggiore, Adro, Verona, al dirigente scolastico di Pordenone, alle loro cure per i buoni mensa, per i costi dei trasporti, per chi ha di più e può di più, per separare il grano dal loglio, l'erba buona dalla zizzania.
Ma dedicata soprattutto ai bambini e alla bambine, ai ragazzi e alle ragazze, alle loro famiglie che hanno subito questa vergogna. Perché siamo in Italia nel 2010 e non nella Spagna franchista o nel Cile di Pinochet, nonostante si stenti a crederlo in questi giorni tristi.
E dedicata a quell'imprenditore coraggioso a cui il sindaco vuol mandare le fatture dei pasti direttamente a casa.
Giancarlo Cavinato

                 I bambini giocano

I bambini giocano alla guerra.
E’ raro che giochino alla pace
   perché gli adulti
da sempre fanno la guerra,
   tu fai ‘pum’ e ridi;
    il soldato spara
    e un altro uomo
    non ride più.
   E’ la guerra.
C’ è un altro gioco
  da inventare:
  far sorridere il mondo,
  non farlo piangere.
   Pace vuol dire
  che non a tutti piace
   lo stesso gioco,
che i tuoi giocattoli
  piacciono anche
  agli altri bimbi
  che spesso non ne hanno,
  perché ne hai troppi tu;
che i disegni degli altri bambini
   non sono dei pasticci;
   che la tua mamma
   non è  solo tutta tua;
   che tutti i  bambini
   sono tuoi amici.
   E pace è ancora
  non avere fame
  non avere freddo
  non avere paura

                                      (Bertold Brecht)





Inserito martedì 20 aprile 2010


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5585454