30/05/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Ottomila firme per l'acqua

Ottomila firme per l'acqua
Campagna referendaria in Umbria "L'ACQUA NON SI VENDE": Superate le 8000 firme!



Straordinaria mobilitazione popolare in tutta la regione per la raccolta delle firme e lunghe file a i banchetti dei cittadini che vogliono sottoscrivere i referendum

Già nel 2007 circa 4500 cittadini umbri firmarono per la proposta di legge d’iniziativa popolare per la ripubblicizzazione dell’acqua.
A febbraio scorso 1300 cittadini di Perugia hanno presentato in Consiglio Comunale la proposta di delibera di modifica dello Statuto per dichiarare il servizio idrico privo di rilevanza economica per cacciare  i privati e tornare ad una gestione  pubblica e partecipata, ma non sono stati ascoltati, a differenza degli interessi dei privati!
A meno di un mese dall’inizio della campagna referendaria per l’acqua pubblica, in Umbria sono state raccolte più di 8000 firme, un chiaro segno della volontà popolare a tornare indietro sul percorso di privatizzazione dell'acqua portato avanti finora dai comuji umbri!
Sull'acqua ora decidiamo noi: pubblica e partecipata!
L'acqua è un bene comune privo di rilevanza economica che deve essere gestito fuori dalle regole del mercato!



Comitato Umbro Acqua Pubblica

Inserito venerdì 28 maggio 2010


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5168244