18/01/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Lo stato di eccezione. Processo per Monte Sole 62 anni dopo

Lo stato di eccezione. Processo per Monte Sole 62 anni dopo
Domenica 20 giugno

ANPI Perugia e AsiCubaUmbria in occasione della liberazione di Perugia presentano il documentario

"Lo stato di eccezione. Processo per Monte Sole 62 anni dopo" diretto e montato da Germano Maccioni.

Alla serata interverranno:

- Gian Luca Lucarini: Associazione Familiari delle Vittime delle stragi nazifasciste di Marzabotto, Monzuno e Grizzana.

- Ferruccio Laffi: testimone diretto dell'eccidio


DOMENICA 20 GIUGNO 2010, ORE 19:45
MACADAM
Corso Cavour, Piazza Giordano Bruno
Perugia


Durante la serata aperitivo a buffet.

"Processo per Monte Sole 62 anni dopo" ha per oggetto lo svolgimento del processo tenutosi presso il Tribunale Militare di La Spezia, tra il febbraio del 2006 e il gennaio del 2007, sulle responsabilità penali di 17 ex militari tedeschi SS imputati per i delitti perpetrati nell'autunno del 1944 in Italia, durante quella che è considerata una delle più grandi stragi nazifasciste dell'Europa Occidentale: l'eccidio di Monte Sole. La strage avvenne nell'Appennino bolognese, lungo la Linea Gotica, dove un intero Reparto SS, al comando del Maggiore Walter Reder, uccise centinaia di civili inermi, uomini, donne, infermi, vecchi, bambini.
Lo Stato di eccezione, oltre a ricordare nel titolo un noto saggio di Giorgio Agamben, allude anche a un'eccezione che sbigottisce e addolora, quella per cui, dal secondo dopoguerra ad oggi, in merito a questo tragico episodio di storia recente, in Italia si è avuto un solo processo contro un solo imputato: il processo del 1951 in cui il Tribunale Militare di Bologna condannò Walter Reder alla pena dell'ergastolo, interrotto nel 1985 su intercessione del governo austriaco.
L'eccezione, ancora una volta, è quella di un'anomalia che per decenni ha visto 695 fascicoli processuali, riguardanti stragi nazifasciste avvenute in Italia, occultati nei corridoi della Procura Militare Generale di Roma a Palazzo Cesi, dimenticati nel tristemente noto "armadio della vergogna" con un provvedimento di "archiviazione provvisoria" (questa l'insolita formula stampata su quelle carte). Si sarebbero potuti giudicare altri criminali ex-SS coinvolti negli eccidi di Monte Sole, ma ciò non è avvenuto. L'Italia è un paese strano... Oggi, dopo 62 anni, dopo che nel 1994 quei fascicoli sono stati riesumati, si sono finalmente rese possibili nuove istruttorie. Ecco, quindi, l'eccezionalità del processo che questo film ha documentato. A La Spezia, nell'aula dibattimentale, hanno sfilato, col carico di un dolore ancora bruciante, decine di testimoni tra superstiti e familiari delle vittime dell'eccidio, in un'estenuante rappresentazione processuale. Teatro del processo è stato un Tribunale Militare la cui architettura evoca ambivalenti e assurde suggestioni, poiché mostra ciò che un tempo era stato, cioè la sala di un cinema, un luogo abituato a vedere ben altro tipo di rappresentazioni.
L'eccezione, infine, che suscita sdegno e turbamento, è quella della beffa di un'assenza irreale. L'assenza dei 17 ex-SS accusati di violenza pluriaggravata e continuata con omicidio, in un processo che si è svolto perciò in contumacia. Tutti, infatti, hanno scelto di non presentarsi, rimanendo lontani da ogni situazione di giudizio, come già per 62 lunghi anni.
A cercare di stabilire un punto fermo, la sentenza del 13 gennaio 2007: 10 ergastoli, 7 assoluzioni. Tappa importante di un cammino che non ha comunque raggiunto la fine. Altre responsabilità sono da accertare, fra ricorsi e nuove istruttorie. Altri punti fermi sono da stabilire.

maggiori info su:
http://anpiperugia.noblogs.org/




Inserito sabato 19 giugno 2010


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4996725