17/04/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Ode alla trezzicata

Ode alla trezzicata
Piazza Craxi? No grazie. La Suntina de Bartoccio a Deruta

Sull'inaugurazione della "piazza Craxi" a Deruta, si possono vedere i numerosi video che girano su YouTube e che rendono giustizia a una protesta civile, appassionata, capace di dar forza alle proprie ragioni con fantasia e senza violenza; il dialogo tra i manifestanti e Stefania Craxi ne è la prova:


http://www.liquida.it/video/a77c4e0b4/inaugurazione-piazza-bettino-craxi-deruta-1-mp4/
http://www.youtube.com/watch?v=uy1Z2teNXfA
http://www.youtube.com/watch?v=BBF7-lWPmJE&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=WtYfxTFBk4I&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=A3RWUr_i358&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=N92Yv329FI4&feature=related

Noi abbiamo il "servizio" giornalistico in versi della Suntina de Bartoccio:

Domenica mattina 26 del mese
 de settembre de quist'anno
a Deruta 'l consiglio comunale
ha 'ntitolato 'na piazza ta Bettino.
Come ta chi? Ma ta quillo che
qualche anno addietro l'hon preso
ch'ha rubbato; lu' ha ditto “me dispiace
ma nn'era pe' mme ma pel Partito”
e pu' zitto zitto e lesto lesto,
pe' davero  è partito, 'n Tunisia
pe' nun finì 'n prigione, dove è noto
ce finiscono soltanto i disgraziate
mejo si so' straniere e anco drogate
che alora ce restono pe' sempre
che tanto chi li piagne è poca gente.

Ma ritornando a bomba su Deruta
a assiste ta 'sta gran 'ntitolazione
c'era 'n mucchio de persone coi fischiette
i cartelle, i striscione con su scritto
Bettino ladro e pure latitante;
na' piazza propio no che è 'na vergogna,
 gridavono, semmai solo 'na “via”,
Via craxi e tutta la famija!, ditto 'n faccia
 ta sindaco, assessori e a Stefania la  fija,
poraccia, che drento a quil macello
 ha preso la parola e ha commentato
che  quattro facinorose a lancià le monetine
 'n valevono per uno che ha preso fior de lire.
'Nsomma, a la fine tra tutto sto bordello
s'è scoperta la targa co' la scritta: piazza craxi
statista e qualcuno, che era arivato da poco
e steva zitto, a un certo punto ha ditto
preoccupato: ma 'n sarà mica 'l primo de 'na lista?

I' però me domando si è giusta che 'n sindaco
 'na Giunta o n' Consiglio 'ntero posson decide
 per conto propio, senza vergogna davanti
ai cittadine, gente de tutti i tipi a  protestà
e qualcuno, cussì m'hon ditto almeno, jeva dato
 anche 'lvoto – 'l vé come vonno le cose a sto' paese
che si doppo te pente reste co le mosche 'n te le mano
col fiato pe' fischià, ma  cojonato.
I' penso che si 'n se pò fa' diverso, co' le bone
sia pure rumorose, almeno ta quil palo
che regge la tavella co' la scritta de la piazza
tal sor Bettino Craxi, si qualcuno c'ha voja
e se diverte, 'na trezzicata nun ce staria  poi male
che a trezzicà o a sdringulà, che dir se voja
chi sa che prima o poi cada pe' terra
anco  chi regge tutta 'sta manfrina,
 mica solo a Deruta, dua però
chi ha rotto 'l patto de democrazia
i cocci l'ha da arcoje pe' davero
(e a Deruta i cocci coston caro!)
ma 'ntendo con quisto la corte de ladroni,
buffoni, servitori e riciclati,
voltagabbana e risuscitati,
adulatori, imboscati e trafficoni
che stonno sempre a galla,
co 'n cima a tutti  Silvio Berlusconi.

La Suntina de Bartoccio a Deruta



Silvana Sonno

Inserito martedì 5 ottobre 2010


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5585512