17/04/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Per la verità dei fatti

Per la verità dei fatti
Perché Israele è condannato dall’opinione pubblica e dall’Onu. Risposta a Fiamma Nirenstein

La verità va affermata. E’ giusto. Ed allora diciamola: non è vero che Israele “può essere sicuro di venire condannato dalle istituzioni, in particolare dalle Nazioni Unite e dalla stampa internazionale qualunque cosa faccia”, come  ha affermato l’on Fiamma Nirenstein durante la conferenza stampa di presentazione della manifestazione che si terrà a Roma il 7 ottobre  “Per la verità, per Israele”.
Israele è condannato dall’opinione pubblica e dall’Onu perché:
 si è impadronito con le guerre e la colonizzazione,    del 92% della Palestina storica contro il 54% che le era stato assegnato dall’ONU nel 1948;
 nell’operazione piombo fuso ha impiegato  armi non consentite e le  ha impiegate anche contro la popolazione civile provocando, secondo l’ong israeliana B’Tselem,   1387 morti (di  cui 773 non avevano preso parte al conflitto  di cui 320 minorenni e 111 donne)     e circa 5000 feriti;
 mantiene sotto assedio  la striscia di Gaza e l’assedio è illegittimo come hanno  dichiarato l’Alta  Commissione dell’Onu per i Diritti Umani, il  Comitato della Croce Rossa Internazionale, il Comitato Internazionale dell’Ordine degli Avvocati;
 si è annessa Gerusalemme Est subito dopo la guerra dei 6 giorni del 1967 e si sta impadronendo delle case dei palestinesi per far posto ai coloni ebrei in nome di una   Gerusalemme che pretende propria, indivisibile ed eterna;
 tiene sotto un regime di costanti vessazioni le popolazioni dei territori occupati dove ha costruito il muro dell’infamia che la Corte dell’Aia ha dichiarato illegittimo;
 trattiene in carcere senza processi,  con semplici provvedimenti amministrativi migliaia di cittadini palestinesi .

Israele dunque viene condannato non per “qualsiasi cosa faccia” ma  perché viola il diritto internazionale e non rispetta la Carta dei Diritti dell’Uomo. 

Si tratta  però di condanne senza conseguenze, purtroppo, perché  “qualunque cosa faccia”,  gode di assoluta impunità:  anche quando  uccide nove pacifisti indifesi sulla nave Marmara, e dirotta in acque internazionali la nave Irene sulla quale si erano imbarcati ebrei pacifisti e non pericolosi terroristi.
 L’on Nirenstein e “gli amici di Israele” lanciano accuse di antisemitismo a destra e a manca, fingendo di ignorare che  anche  i palestinesi   sono semiti,  per cercare di nascondere sotto questa insulsa accusa la natura coloniale e razzista della politica dei governi israeliani.
Noi che appoggiamo la lotta dei palestinesi sappiamo che essa   non mira a  distruggere lo Stato di Israele ma a liberare  il popolo palestinese dalla occupazione, a difenderne la   identità e la cultura, a conquistargli  la libertà. Siamo solidali con i palestinesi, come lo siamo con i Kurdi, gli Armeni, i Rom, i Sinti e con tutti coloro che sono oggetto di discriminazioni e persecuzioni o  lottano per la propria libertà, per il proprio diritto ad esistere e re-sistere, nella convinzione che la sicurezza di Israele, come di ogni altro stato,  non deriverà dall’impiego della forza,   illegale, illegittima e di fatto impunita, ma dalla costruzione di una pace giusta per tutti.

Invitiamo tutti a riflettere su questi dati di fatto, su queste “verità”, in primo luogo “gli amici di Israele” ai quali chiediamo di interrogarsi su di un punto cruciale: per  sostenere  Israele,  aiutare gli israeliani e i palestinesi a costruire le condizioni di una pace possibile e giusta  è produttivo difendere il governo israeliano a tutti i costi, sempre e comunque o non è necessario  condannare la sua politica quando è aggressiva e razzista?

E non si stravolgano i fatti: la Campagna Internazionale Boicottaggio Disinvestimento Sanzioni, (BDS) che anche associazioni ebraiche appoggiano, non è una forma  arbitraria di discriminazione, ma una forma di lotta non violenta contro la politica di  apartheid  del governo israeliano.
L'on. Fiamma  Nirenstein non sopporta sentir parlare di apartheid, vorrebbe anzi che Nelson Mandela dichiarasse senza esitazioni che lo stato israeliano non la  pratica; ma forse non sa che   il Cosatu, (Congresso dei sindacati sudafricani) determinante nell'abbattimento del regime dell'apartheid in Sud Africa, è stato tra i primi ad equiparare la “politica” israeliana verso i palestinesi all'apartheid e partecipa attivamente alla Campagna BDS.

Noi appoggiamo questa campagna, come seguiamo con simpatia ed apprensione la navigazione dei  tre convogli che via terra si stanno dirigendo a Gaza per rompere pacificamente l’assedio e soccorrerne la popolazione stremata , come appoggiamo la Conferenza delle Olive a sostegno della  resistenza popolare in Palestina che si terrà il 19 Ottobre   a Ramallah   presso il Centro della Mezzaluna Rossa  Palestinese ed auspichiamo (se ne avessimo la forza lo  pretenderemmo) che i contadini palestinesi che raccoglieranno  le olive non siano oggetto dell’attenzione dei cecchini israeliani  che ancora  quattro  giorni fa hanno ucciso un inerme agricoltore novantenne mentre lavorava nel suo orto.
Si tratta di forme di lotta non violente e volte ad edificare le condizioni per la pace. Vorremmo che anche “gli amici di Israele”  le considerassero e le apprezzassero come tali, cosa che solo l’adesione acritica ad un progetto razzista e coloniale può  rendere poco evidente.



La Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese


Inserito venerdì 8 ottobre 2010


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5586003