18/01/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> ''Le farfalle'': monografia su Eva Mameli Calvino

''Le farfalle'': monografia su Eva Mameli Calvino
Il 13 novembre a Umbrialibri

Esce in occasione dei 25 anni dalla morte del figlio, lo scrittore Italo Calvino (settembre 1985), la prima monografia su Eva Mameli Calvino curata da Elena Macellari per la nuovissima collana “le farfalle” di ali&no editrice dedicata al tema del viaggio al femminile. Dei suoi lunghi viaggi, soprattutto a Cuba e in Messico, raccontano le pagine autografe, le intime riflessioni e gli scambi epistolari mai pubblicati prima e provenienti da carteggi e collezioni private, in un’epoca (l’inizio del Novecento) in cui rarissime sono le figure di donne italiane che si sono dedicate con tanta assiduità alla causa della ricerca e della divulgazione scientifica.


Di Eva Mameli Calvino racconta il primo volume della collana “le farfalle” (diretta dalla scrittrice Clara Sereni), un progetto editoriale di grande cura, che intende pubblicare testi e monografie di donne che hanno scritto di viaggio e sui viaggi intrapresi per lavoro, missione o esplorazione. Piccoli e delicati libri come ali di farfalla (12x19 cm con una foliazione di 96/112 pagine per due uscite l’anno), che attingono alla scrittura più auten tica, intima e preziosa delle donne, quella dei memoriali, delle riflessioni e della corrispondenza. Vite, ma anche immagini, racconti, reportage, diari.
Sandra Petrignani presenterà il volume a Perugia, Umbrialibri, sabato 13 novembre ore 17 e alla Fiera “Più libri, più liberi” di Roma il 7 dicembre alle 19, presso la Sala Rubino.
Parte dei proventi della collana saranno devoluti alla Fondazione “La città del sole” - Onlus (www. la-citta-del-sole.com) che costruisce progetti di vita per persone con gravi problemi psichici.
Sono in preparazione “farfalle” dedicate alla viaggiatrice e alpinista Una Cameron, alla giornalista Rebecca West, alla scrittrice Maria Teresa Regard (Calamandrei), alla giornalista e scrittrice Paola Biocca e all’inviata del “Corriere della Sera” Maria Grazia Cutuli.

“le farfalle” per la Città del Sole
La Fondazione opera dal 1998 prevalentemente a Perugia e in Umbria, ma ha ormai rapporti strutturati con diverse altre regioni, che riconoscono la qualità dei suoi progetti. È sull’idea di normalità possibile che la Fondazione ha lavorato in questi anni, appassionanti quanto difficili: senza illusioni di miracolistiche guarigioni, ma con la convinzione ferma che anche chi è scomodo al cuore e alla ragione abbia diritto ad una qualche felicità. E che questa felicità sia strettamente connessa alla coesione sociale, di cui la cultura è parte integrante.
Da qui l’idea di collaborazione, e anche il titolo della collana: fragili e colorate sono le farfalle, cui un battito d’ali è sufficiente per segnalare un disagio passibile di investire, a partire da quella singola situazione, il vasto mondo. Fragili e delicate sono le persone con sofferenza psichica, sensori sensibilissimi di snodi che altri possono, colpevolmente o inconsapevolmente, ignorare. La crisi che tutti ci attraversa, e che a lungo ancora ci attraverserà, rende più difficile il lavoro di quanti si occupano dei fragili e dei diversi. I ritardi degli Enti locali rendono ancora più precaria ogni forma di pianificazione, indispensabile a quanti di precario hanno già la vita, e l’anima. Per questo la Fondazione ha bisogno di aiuto e sostegno da parte di tutti coloro che possono e vogliono farlo.

www.alienoeditrice.net
info@alienoeditrice.net




Inserito venerdì 29 ottobre 2010


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4995734