05/07/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Per uscire dalla crisi dell’edilizia: abbandonare la via della cementificazione e delle grandi opere

Per uscire dalla crisi dell’edilizia: abbandonare la via della cementificazione e delle grandi opere
Recuperare l’esistente piuttosto che continuare a costruire ex novo, perseguire opere pubbliche innovative di mobilità sostenibile, energie rinnovabili, servizi pubblici

Movimento Perugia Civica

COMUNICATO STAMPA

E’ sempre più evidente che la politica di cementificazione e edificazione indiscriminata, fin qui perseguita come unico volano di sviluppo sia dalle forze economiche che da quelle politiche locali, è giunta al capolinea: basta guardarsi attorno e vedere come la città sia soffocata da troppi palazzi e palazzine vuote, inutilizzabili, invendute e invendibili.  Intanto vanno avanti - chissà con quali prospettive - grandi operazioni immobiliari come Monteluce o la ex De Megni.
Chi abiterà in tutte queste case? C’è a Perugia ormai una offerta di abitazioni che supera ogni possibilità di assorbimento. Non è quindi seria né credibile la pretesa di quanti, operatori economici e politici, continuano a insistere su una strada senza sbocchi. L’attività edilizia oggi è in crisi a causa della sua crescita drogata nell’ultimo decennio, e l’occupazione ne risente pesantemente.
Ma quelli che hanno realizzato grandi profitti speculativi oggi se la passano bene, ben diversamente dagli addetti all’edilizia, richiamati a Perugia da altre regioni o dall’estero e oggi privi di lavoro e di mezzi per vivere.
Allora bisogna cambiare strada. Per questo Perugia civica esprime il suo vivo apprezzamento per l’intervento della Fillea Cgil, che (in aperta polemica con i costruttori di Ance) si schiera decisamente a favore del principio di recuperare l’esistente piuttosto che continuare a costruire ex novo. E’ condivisibile infatti che oggi l’edilizia potrebbe avere un ruolo decisivo e positivo nel miglioramento dell’assetto del territorio, piuttosto che essere degradata a distruzione selvaggia e cementificazione del territorio stesso.
Vanno individuati e perseguiti interventi su acquedotti, reti fognarie, opere ciclopedonali, impianti, mobilità pubblica. Questi sono alcuni dei settori che possono riqualificare la città e il territorio, ridare all’edilizia una funzione propulsiva e sociale, e infine garantire i livelli di occupazione nel settore.
Quello che noi aggiungiamo è che non è insistendo sulle grandi opere distruttive che si otterranno questi risultati, né si avrà il consenso sociale, che invece ci può essere sulle opere pubbliche necessarie, utili, innovative, a favore della mobilità sostenibile, delle energie rinnovabili, dei servizi pubblici e dei beni comuni.

Perugia, 10 gennaio 2010

www.perugiacivica.it    info@perugiacivica.it

Il Consiglio Esecutivo




movimento Perugia Civica

Inserito martedì 11 gennaio 2011


Commenta l'articolo "Per uscire dalla crisi dell’edilizia: abbandonare la via della cementificazione e delle grandi opere"

Commenti

Nome: Vanni Capoccia
Commento: Proprio ora ho letto un'intervista a Renzi, sindaco di Firenze, nella quale afferma di voler portare avanti a Firenze la politica del Volume zero ovvero recupero e trasformazione dell'esistente. Per la cronaca Renzi è risultato il sindaco più apprezzato d'Italia. Vanni Capoccia

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5215117