09/08/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Approvata la legge sui Gruppi di acquisto solidale

Approvata la legge sui Gruppi di acquisto solidale
Grande risultato: l'Umbria è all'avanguardia su qualità, filiera corta e chilometri zero

GAS. DOTTORINI (IDV): APPROVAZIONE LEGGE GRANDE RISULTATO. UMBRIA ALL’AVANGUARDIA SU QUALITA’, FILIERA CORTA E KM ZERO

“I Gruppi acquisto solidale sono una risposta concreta alla crisi  di famiglie e piccoli produttori agricoli. Il provvedimento ci ripaga di un lavoro paziente e tenace"

“Siamo molto soddisfatti. L'approvazione di oggi ci ripaga di un lavoro paziente e tenace. La legge approvata oggi dal Consiglio regionale fa dell’Umbria la prima regione in Italia a dotarsi di una normativa che riconosce, tutela e incentiva i Gruppi di acquisto solidali e che allo stesso tempo valorizza il consumo responsabile e incentiva le produzioni locali, a filiera corta e di qualità. Si tratta di un grande risultato  per tutta la nostra regione. Siamo riusciti a portare a compimento un iter che è stato complesso, faticoso e osteggiato in maniera strumentale da una destra abituata ormai a un'opposizione coreografica e senza costrutto”.

“È un risultato importante che permette all’Umbria di dotarsi di uno strumento utile sia per andare incontro alle esigenze delle famiglie, che chiedono prodotti di qualità a costi contenuti, sia per valorizzare le piccole e medie imprese agricole, per lo più a conduzione familiare, che operano e vivono sul territorio regionale, preservandone l'identità e la sopravvivenza e contribuendo così al loro mantenimento sul territorio. La legge cerca di mettere in collegamento le famiglie che si trovano ogni giorno a fare i conti con budget più ridotti con gli agricoltori locali che magari fanno buone produzioni, a volte biologiche, ma poi devono venderle a prezzi stracciati e non remunerativi sui canali della grande distribuzione".

“Che si tratta di una legge all’avanguardia lo dimostra anche il fatto che diversi consiglieri regionali di altre regioni italiane hanno richiesto il nostro testo per riproporlo nelle proprie assemblee legislative. In alcuni casi, come ad esempio quello della Calabria, su questo testo si è trovata una larga convergenza, tanto che si prospetta un’approvazione all’unanimità, con il sostegno quindi anche del centrodestra. Non è purtroppo il caso dell’Umbria, dove evidentemente si preferisce dar vita a un’opposizione coreografica piuttosto che cogliere l’opportunità di una risposta, parziale ma concreta, alla crisi delle famiglie e delle piccole imprese”.

“Forse non risolverà in toto gli enormi problemi dell’agricoltura umbra, ma questa legge può contribuire a conciliare la necessità di un reddito maggiore per chi produce in Umbria e la grande richiesta di chi, in tempi di mozzarelle blu e uova alla diossina, comincia a prestare più attenzione a cosa mette giornalmente nel suo piatto".

 Perugia, 1 febbraio 2011



Oliviero Dottorini

Inserito mercoledì 2 febbraio 2011


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5257460