21/08/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Un milione all'anno per tappare le buche sull'asfalto

Un milione all'anno per tappare le buche sull'asfalto
Il Comune impegna i propri fondi per l'asfalto, e aspetta quelli regionali o europei per metter mano al restauro dei monumenti


(nella foto: via Pellini, la carreggiata è liscia come un biliardo, il marciapiedi è rovinato e pericoloso)

La demagogica campagna sulle buche sull'asfalto incontra tanto successo: ne parlano i giornali, lo ripete la gente al bar... E così il Comune - mentre taglia tante altre spese a causa dei provvedimenti governativi - ha pensato bene di aumentare la spesa per l'asfalto: dai 700 mila euro del 2010 ai 900 mila del 2011, fino al milione di euro previsto per il 2012 e il 2013.
Si tratta di fondi propri del bilancio comunale, in tempi di magra: e mentre per restaurare i monumenti (si pensi alle mura etrusche della Cupa, o all'arco del Bulagaio) il Comune aspetta fondi europei, regionali, o privati, per l'asfalto il Comune impegna direttamente il proprio bilancio. Così saremo sicuri che le carreggiate saranno ben curate, mentre i monumenti potranno aspettare.
Certo, le buche vanno chiuse: ma un conto è curare le strade, intervenendo con continuità e mezzi modesti dove si crea un guasto, e un conto è rifare completamente tutta una sede stradale, rimettendo del tutto a nuovo la carreggiata.
Così si vede (come nella foto) che, mentre la carreggiata è liscia come un biliardo, i marciapiedi sono percorsi di guerra, abbandonati all'incuria.
Basta confrontare quanto pensa di impegnare il Comune nel 2011 per percorsi pedonali: appena 380 mila euro per tutto il territorio comunale, un terzo di quello che spenderà per l'asfalto. E dal bilancio sono spariti i due percorsi pedonali previsti nel 2010 (P.Pattoli-V.Pitignano, e percorso per disabili).
Ecco i risultati della demagogia, e di una politica troppo attenta alla demagogia e poco alle esigenze della città.
Poi, lo sappiamo, ci si lamenterà che il traffico privato continua ad aumentare.




Inserito giovedì 10 febbraio 2011


Commenta l'articolo "Un milione all'anno per tappare le buche sull'asfalto"

Commenti

Nome: mary mancinelli
Commento: come volevasi dimostrare: Piano Nazionale Sicurezza Stradale in pratica la messa in pratica della Legge 144/99 principi, modalità, strumenti degli interventi definiti dagli stessi che contempla infrastrutture, tpl, tecnologie, formazione,prevenzione e repressione, nonchè indici di monitoraggio per le priorità, fissati sugli utenti deboli: pedoni, motociclisti, giovani, anziani e ciclisti, compresa lo sviluppo urbano su sostenibilità nè su spinta a immatricolazione nè tantomeno determinati da singoli enti ma sull'incidentalità.

Nome: Mary Mancinelli
Commento: Si è arrivati a sensibilizzare sia l'opinione pubblica, che i media, i politici ecc..., ma troppo spesso ora se ne parla senza competenza né cognizione di causa rispetto a norme regole e PNSSS esistenti... L'Italietta è (purtroppo) anche questa (N.d.R.: Che cosa vuol dire PNSS? La preghiamo di non usare sigle senza scioglierle a favore di noi che non ne conosciamo il significato. Grazie)

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4772154