03/04/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Comunicato stampa dell'associazione Fuorigioco onlus

Comunicato stampa dell'associazione Fuorigioco onlus

 

Questa mattina, in una sala gremita, si è svolta la conferenza stampa dell’associazione “Fuorigioco” onlus. Intorno ad un tavolo si sono trovati a parlare diversi soggetti della società civile tutti accomunati da una stessa volontà: promuovere un modo diverso di stare insieme, oltre le etichette, i ruoli e soprattutto oltre lo stigma che molto spesso, purtroppo, accompagna chi nella vita ha vissuto momenti di difficoltà e sofferenza. Il buon De Gregori cantava”Nino non aver paura di tirare un calcio di rigore, non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore, un giocatore lo vedi dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia…” e quasi in maniera profetica le parole del nostro cantautore nazionale hanno incarnato in pieno l’idea che coraggio, altruismo e fantasia a volte possono bastare per regalare a qualcuno minuti di serenità e condivisione. L’idea di Fuorigioco, come ha raccontato in conferenza il presidente Boriosi Francesco, nasce dal confronto e dall’incontro di diversi soggetti afferenti al mondo della salute mentale: operatori sociali della riabilitazione psichica, psichiatri, utenti, cittadini. L’Umbria e nello specifico Perugia ha fatto da cornice al movimento di de-istituzionalizzazione delle strutture manicomiali muovendosi verso un principio di diritto alla salute che riportasse al centro della dimensione di cura l’uomo e non più la malattia. Tanti passi avanti sono stati fatti dagli anni ’70 ad oggi, ma per chi lavora direttamente a contatto con alcune realtà molto ancora si può e si deve fare. Le persone che sono accolte nelle strutture che si occupano di salute mentale vivono un isolamento relazionale che accresce la diffidenza da parte di chi conosce “il matto” solo come viene presentato dai media (pericoloso, aggressivo); l’associazione Fuorigioco, attraverso lo sport, ha cercato un linguaggio che fosse fruibile a tutti e che permettesse una dimensione di prossimità in cui le persone possano conoscers, ri-conoscersi o semplicemente esserci.

Tante le iniziative messe in campo dall ‘Associazione: la costituzione di una squadra di calcetto con operatori, volontari e soggetti con problemi di salute mentale; l’organizzazione di eventi sportivi in rete con altre realtà nazionali e internazionali; l’organizzazione di eventi-convegni e la realizzazione di momenti di aggregazione fuori dai sistemi di cura (spettacoli, concerti, gite, vacanze), la creazione di una rete di soggetti (associazioni del territorio, servizi, familiari di utenti) che sia in grado di dare risposte efficaci al bisogno di integrazione e socializzazione; attività di formazione e informazione rivolta ai studenti delle scuole; collaborazioni con altre realtà associative del territorio e con l’Università di Scienze Motorie.

Fra coloro che hanno partecipato alla conferenza c’è stato anche il capitano del Perugia Calcio Roberto Goretti che ha lodato le iniziative portate avanti dall’Associazione e soprattutto ha sottolineato l’importanza di rendere il calcio portatore di messaggi positivi come lealtà, correttezza, gioco di squadra. Il capitano ha salutato lanciando un guanto di sfida alla squadra “Fuorigioco” : “io e i miei compagni di squadra saremo onorati di ospitarvi allo stadio Renato Curi per giocare insieme e che vinca…non importa, l’importante sarà divertirsi e stare insieme”

 






Inserito giovedì 24 febbraio 2011


Commenta l'articolo "Comunicato stampa dell'associazione Fuorigioco onlus"

Commenti

Nome: Francesco Boriosi
Commento: Grazie dall'associazione Fuorigioco

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5091026