04/07/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> La patria

La patria
Un canto di Patrizia Cavalli

Ciao,

 Patrizia Cavalli, con il canto: La patria (che ha letto in Piazza del Popolo a Roma durante la manifestazione delle donne), è tornata a parlare delle piazze come bene comune. Ed anche di mercato, di artigiani e di noi umbri...

Vanni Capoccia

...

 Pur non volendo insistere

con queste troppo facili agnizioni, bisogna

riconoscerlo, la patria ama le piazze,

ma solo se a animarle  c’è il mercato,

non certo se l’invade l’ululato

dell’orrido bestiame, che allora scappa,

va per vicoli, s’inguatta in qualche piccola

superstite bottega d’artigiano,

l’aristocratico artigiano che disprezza

l’avidità volgare della fretta.

Sì è più facile trovarla in chi lavora,

soprattutto se lo fa con le sue mani.

Ma deliziosamente sta persino

in certi sfaccendati, i sempre

più sparuti assistenti del niente,

negati pei negozi, distratti come sono

in ozi sontuosi, dalle opinioni scarse,

molto timide, cedevolmente pronte

a trasformarsi in sì. Creature umbre spesso.

Quante ne ho incontrate nei paesi

sedute fuori casa o ciondolanti tra il bar e il giornalaio,

che se gli chiedi l’ora

ti rispondono: le sei, però

quello che dico sbajo.

...

 

 



Patrizia Cavalli

Inserito mercoledì 2 marzo 2011


Commenta l'articolo "La patria"

Commenti

Nome: vanni
Commento: il libricino è sicuramente disponibile alla libreria L'Altra. Acqistandolo là, con 3 euro si aiuta la Patria, la Poesia, la Cavalli e si dà un segnale a favore delle piccole librerie storiche. Vanni

Nome: Nene
Commento: Ha ragione Vanni, ha ragione Renzo... Anche 'L'angelo labiale' è intrigante, stimolante,(s)concertante... Questo il finale: 'Perché insomma / io ero stata mandata qui per questo, / come tutti d'altronde, per giocare. / Che pretendete adesso? Che io resti grave / a prendermi sul serio? A chiudermi in silenzio / nella difesa aspra? A coltivare un infinito / pedante "non si può"? Ma sì l'ho fatto / per un mezzo inverno ho finto una perfetta / remissione. Ma ora che l'angelo / mi attrezza di parole io non mi arrendo,/ sia chiaro, io contendo. Domani stesso / riprenderò a giocare, perché se presto io qui / non faccio / qualche pazzia impazzisco. Ma che ci vuole?/ Una parola davvero pronumciata e sei una matta./ Via, fuori, eliminata, a San Rossore.

Nome: renzo
Commento: Grazie, Vanni, per il bel suggerimento di lettura: ho appena preso il quadernetto di Cavalli e l'ho letto, è un canto bellissimo, ci si immerge e ci si specchia! Consiglio a tutti/e di prendere il quadernetto, e poi costa solo tre euro, ma vale tanto!

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5213615