18/01/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Il lavoro come bene comune?

Il lavoro come bene comune?
Ciclo di seminari su "Il diritto dei beni comuni", lunedi 14 marzo

 

Facoltà di Giurisprudenza, Università degli Studi di Perugia.

 IV seminario – 14 marzo 2011, ore 16-19 Aula 3 

 

Il lavoro come bene comune?

 

a) Inchiesta relizzata da student* e precar* ai picchetti per lo sciopero del 28/1.

b) relazione di Adalgiso Amendola (Università di Salerno)

 

interventi di

Cesare Salvi (Università di Perugia)

Stefano Bellomo (Università di Perugia)

 

 Mentre la crisi globale innesca ovunque insorgenze precarie, alcuni si attardano a proporre il lavoro sia come elemento capace di rappresentare l'interesse generale della società che come valore su cui improntare  la costituzione materiale del Paese (la scritta "Il lavoro è un bene comune" troneggiava sul palco di Pza San Giovanni lo scorso 16 ottobre).

 Ma cosa intendiamo oggi per lavoro e soprattutto cosa possiamo aspettarci da esso: è la libera attività creativa in cui ciascuno da secondo la sua capacità e riceve secondo i suoi bisogni oppure si tratta del lavoro che si svolge sotto il comando del capitale, un comando che in epoca fordista è stato regolato dai contratti nazionali, ma che oggi libero dai vincoli dello stato nazione, produce povertà, precarietà e fututo incerto?

 Il seminario affronta questi temi a partire da una sintetica inchiesta condotta davanti ai cancelli di alcune fabbriche la mattina del 28 gennaio ( sciopero FIOM) dove sono state sviluppate insieme ad un nucleo di operai, alcune riflessioni sul lavoro e sul reddito ieri ed oggi, facendo emergere punti di vista e problematiche connessi a questi grandi temi.
 
 Una discussione per niente accademica, dato che, nella crisi, in Umbria vi sono decine di migliaia di cassintegrat*, disoccupat*, inoccupat*, precari: troveranno tutte queste persone una risposta al loro bisogno di vivere una vita degna attraverso il lavoro?

 O sarà necessario prendere atto che, dato che il lavoro è cambiato, una vita degna può essere garantita abbinando opportunamente ad un lavoro sottratto all'inutile dominio del capitale (Marchione ci vuole imporre la produzione di Panda e/o SUV quando noi abbiamo bisogno di mobilità sostenibile) un reddito che garantisca dignità , dissolva la precarietà e permetta di rifiutare il ricatto padronale?

 

 



Carlo Romagnoli

Inserito lunedì 14 marzo 2011


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4996456