17/04/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Il Giorno della Terra in Palestina

Il Giorno della Terra in Palestina
Di chi è la terra nella Palestina storica

Comunicato Stampa del PCBS (Palestinian Central Bureau of Statistics)
in occasione del
LAND DAY (Giornata della Terra), 30 marzo 2011

Il numero delle abitazioni costruite nelle colonie israeliane nel 2010 è aumentato di quattro volte rispetto al 2009.


L'Occasione del Giorno della terra

Il 30 marzo 1976 fu testimone di un sollevamento popolare nel territorio palestinese diventato Israele nel 1948 in difesa della terra e contro la confisca di 21.000 dunum (circa 1.000 metri quadrati) in Galilea, Al-Muthalah e Negev. La rivolta fu violentemente repressa dalle forze  israeliane con la morte di sei giovani dimostranti.

La popolazione ebraica controlla piu' dell'85% della terra della Palestina storica
Circa 11,5 milioni di persone vivono nella terra storica della Palestina alla fine del 2009 in un'area di ca. 27.000 kmq. La popolazione ebraica rappresenta circa il 49,4% della popolazione totale e utilizza piu' dell'85% della superficie totale della terra. L'utilizzo della terra da parte degli ebrei durante il Mandato Britannico (1923-1948) non era maggiore del 6,2%, cioe' ca.1.682 kmq. Mentre gli arabi comprendono il 47,9% della popolazione totale e utilizzano meno del 15% della terra, gli altri costituiscono il 2,7% della popolazione nei territori di prima del 1948.

La maggior parte dell'area storica della Palestina è terra aperta controllata dall'Esercito Israeliano
Circa il 20,7% della terra della Palestina storica e' fatta di aree coltivate mentre il 9,7% e' fatta di foreste. L'area edificata comprende il 5,7% ma la maggior parte (63,9%) e' area aperta e quasi tutta sotto il controllo militare israeliano.

Il 13% della Cisgiordania è isolata e confiscata a causa del Muro
L'occupazione israeliana ha confiscato centinaia di migliaia di dunum di terra per costruire il Muro di separazione. L'area isolata e confiscata che rimane tra il Muro e la Linea Verde (che segna il confine internazionale tra Israele e Cisgiordania) ammonta a quasi 733 kmq, ossia il 13,0% di tutta la Cisgiordania. Queste terre comprendono 348 kmq di aree coltivate, 110 kmq sono utilizzate dalle colonie israeliane e da basi militari, 250 kmq da foreste e aree aperte e 25 kmq sono aree edificate dai palestinesi.

"Ebraicizzazione" di Gerusalemme: costruzioni selvagge da parte dei coloni israeliani e continue demolizioni di case palestinesi
Sono fortemente aumentate nel 2010 le violazioni israeliane contro i palestinesi e le loro proprieta' nel Governatorato di Gerusalemme dove le autorità' di occupazione israeliane hanno continuato le loro politiche di confisca delle terre sotto vari pretesti. Lo scopo di Israele e' di privare i palestinesi della loro terra. Circa 1.496 dunum sono stati confiscati per costruire il Muro di separazione e per espandere le colonie. Inoltre, nel 2009 sono stati emessi circa 2.000 ordini di evacuazione di abitazioni palestinesi in preparazione alla loro demolizione, come nel caso del quartiere di Bustan a Silwan, a Shufat e altrove. Nel 2010 sono state demolite 31 case per una superficie totale di 2.572 mq, abitate da 224 palestinesi tra cui 115 bambini.

Il 54.6% dei coloni vive nel Governatorato di Gerusalemme
Alla fine del 2010 il numero dei siti e delle basi militari israeliane in Cisgiordania era di 470. Durante lo stesso anno sono stati costruiti 7 avamposti colonici e 141 siti sono stati ingranditi. La maggiore concentrazione di colonie e' nel Governatorato di Gerusalemme; esse costituiscono circa il 23,7% della superficie totale delle terre confiscate con la forza in Cisgiordania. Il numero dei coloni in Cisgisordania alla fine del 2009 ha raggiunto il picco di 517,774, il 51,6% dei quali vive nel Governatorato di Gerusalemme (201.273 si trovano in quella parte di Gerusalemme che fu occupata e annessa  da Israele nel 1967). In termini demografici la percentuale dei coloni rispetto alla popolazione palestinese in Cisgiordania e' di circa 21 coloni israeliani per ogni 100 palestinesi, confrontato con 71 coloni per 100 palestinesi nel Governatorato di Gerusalemme.

L'espansione delle colonie: una corsa contro il tempo
L'espansione delle colonie si e' intensificata nel 2010 con la costruzione di 6.764 unita' abitative israeliane su terre palestinesi. La costruzione di colonie nel 2010 e' aumentata di 4 volte rispetto al 2009 quando vennero costruite 1.703 unita' abitative, mentre nel 2008 ne erano state costruite 2.107, 1.158 nel 2007 e 1.518 nel 2006.

Traduzione di Angelo Stefanini




Inserito venerdì 1 aprile 2011


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5586100