25/01/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> E se la precisione svizzera teme la sua stessa fallibilitÓ?

E se la precisione svizzera teme la sua stessa fallibilitÓ?
Rimane ferma l'idea della Svizzera di sospendere l'iter di accettazione delle domande di nuove centrali nucleari


L'ispettorato federale della sicurezza nucleare, in seguito ad un controllo straordinario che Ŕ seguito al disastro nucleare di Fukushima, ha evidenziato carenze di sicurezza in alcune delle cinque centrali elvetiche. Il controllo era rivolto a verificare il sistema di alimentazione per il raffreddamento, le piscine di stoccaggio dei combustibili e il loro raffreddamento in caso di sismi o inondazioni. Le maggiori insufficienze in materia di resistenza a terremoti e alluvioni sono state evidenziate alle centrali Muehleberg (cantone di Berna) e di Beznau (cantone Argovia), e non rappresenterebbero un pericolo immediato per la popolazione, anche se un rischio potenziale, esattamente come lo era quello divenuto realtÓ in Giappone. I gestori hanno tempo sino alla fine di agosto per presentare adeguati piani di risposta alle problematiche evidenziate e comunque rimane ferma l'idea della Svizzera di sospendere l'iter di accettazione delle domande per la costruzione di nuove centrali nucleari, dichiarando quindi terminato il suo impegno in campo atomico.



Claudio Santi


Inserito domenica 8 maggio 2011


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5467266