28/01/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Pe 'l XX Giugno 2011

Pe 'l XX Giugno 2011
...la speranza e la voja de futuro, secondo la Suntina de Bartoccio

I lecci del Frontone sono amici
de chi vole 'n po' de compagnia,
senza rumore e senza strafottenza,
ché ai tempi d'oggi nn'è cosa  da poco
trovà bona maniera de sta' senza.

I lecci del Frontone hon visto tutto:
i papalini e i nostri 'l XX Giugno
de quill'anno lontano, quanno
che noaltre perugine c'em provato
a fa' a meno del Papa e la su' corte

pu hon visto quil ch'è venuto appresso
anno pe' anno, ché 'l tempo ha macinato
'l bono e 'l tristo, fino ta no' de adesso
che la libertà  l'em trovata tra le  mano
senza troppo suffrì, senza rischià la morte
e senza dové sbatte 'l nostro grugno,
come 'n quil più lontano XX giugno.

Ma siccome la robba nun pagata
ce pare cosa povera e modesta
anco sta libertà nun faticata
poco pe' volta, più che 'na ricchezza,
ce  pare diventata un po' molesta
e la stemo a mandà tutta 'n ruvina

anzi è come si 'n vedemo l'ora
de barattalla con qualcosa d'altro
che magari luccica e ce 'nvita
co lusinghe sorrisi e 'na muina
a trasfericce tutti a  quil paese
chiamato di balocchi - e 'l senso è chiaro -

dove che ta Pinocchio 'l burattino
je  spuntorno le recchie da somaro
e  recchie come quille, si guardate
se ne vedono 'n giro, e mica poche
e a voja a di' “ma quanto se' carino!”
pe' salvà quil po' d'educazzione
si capita n'incontro da vicino.

I lecci del frontone vedon tutto
e me pare che più che passa 'l tempo
quanno che s'avvicina n'altro giugno
e s'aspetta pe' la celebrazzione
la solita sfilata de persone
comprese quille  de l'Istituzzione

je calano le fronde pe' l'ingiù                           
come 'na grande lacrima de foje
a volé ricordà che 'l XX giugno
nn'è robba pe' distratti o pe' ciuchini
ma 'na memoria vera de coscienza                            
pe' la gente perbene, de fori o perugini

basta che c'honno 'n core da bambini
e nun pensono ta quil che c'è d'arcoje,
ché la speranza e la voja de futuro
hon bisogno de pulizzia interiore;
chiamatela onestà, senso de la vergogna
decoro, rispettabile decenza
dignità,  sobrietà, saggio pudore  ...

… I' la chiamo innocenza.

la Suntina de Bartoccio 
 

P.S.:
'Sti pochi versi l'ho scritte tempo fa, prima del 13 de 'sto mese 'n corso, ma adesso  nun posso nun ammette che qualcosa se move tra de no', e tai lecci del Frontone domatina j'arconto ch'emo vinto i referendum. Po esse che s'artirono 'n po' su, che arpijono vigore senza sforzo, come più su me ce sento  pure io, drent'al core che nne smette d'esultà da che ha saputo ch'em passato 'l quorum.
E quista è 'na notizia, vivaddio!



Silvana Sonno

Inserito lunedì 20 giugno 2011


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5470655