02/07/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Rifiuti: nessun rispetto delle regole e obiettivi di legge, neanche da parte del sindaco

Rifiuti: nessun rispetto delle regole e obiettivi di legge, neanche da parte del sindaco
Obiettivi della Raccolta differenziata mancati da nove anni ma il sindaco rinnova per la terza volta l’incarico di presidente a Graziano Antonielli contravvenendo al regolamento comunale

La GESENU è società mista a maggioranza privata che da molti anni gestisce la raccolta dei rifiuti del Comune di Perugia. Da statuto societario la nomina del presidente e di due consiglieri della GESENU spetta al sindaco del comune di Perugia, principale socio pubblico. Le nomine (e le eventuali revoche)  devono avvenire nel rispetto del  “REGOLAMENTO SUGLI INDIRIZZI PER LA NOMINA, LA DESIGNAZIONE E LA REVOCA DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE, ISTITUZIONI” approvato dal Consiglio Comunale  nel 2009. L’art. 5 del regolamento indica, tra le cause di incompatibilità ed esclusione dalla nomina “chi è stato comunque nominato  consecutivamente 2 (due) volte o chi è stato in carica per un periodo doppio rispetto alla durata ordinaria della carica, ove la stessa non sia inferiore a 4 anni”; l’art. 10 afferma che la carica può essere revocata “per motivate ragioni relative a comportamenti contraddittori od omissivi o a reiterate inottemperanze alle direttive espresse dall’Amministrazione Comunale” .

Per quanto riguarda la nomina del presidente della Gesenu ci risulta che quella del 13 luglio 2010 è la terza consecutiva conferita a Graziano Antonielli, preceduta dalle due nomine del 28 settembre 2004 e del 5 luglio 2007. L’incarico attuale, in assenza di revoca, scadrà il 13 luglio 2013, per un totale di 9 anni.
Per quanto riguarda l’efficacia di tale presidenza ci risulta che dal 2001 la Gesenu non ha mai rispettato gli obiettivi di Raccolta Differenziata fissati dal decreto Ronchi e successive integrazioni. Al contrario, come mostra la figura, i risultati della Raccolta Differenziata del comune di Perugia sembrano distanziarsi sempre più dagli obiettivi fissati dalla legge.

Alla luce di tali deludenti risultati appare incomprensibile il comportamento del sindaco Boccali che invece di REVOCARE la nomina di presidente della Gesenu a Graziano  Antonielli glie l’ha conferita per la terza volta consecutiva, contravvenendo al regolamento comunale.
Perugia, 04 luglio 2011

Consiglio Esecutivo - Movimento Perugia Civica

Inserito lunedì 4 luglio 2011


Commenta l'articolo "Rifiuti: nessun rispetto delle regole e obiettivi di legge, neanche da parte del sindaco"

Commenti

Nome: Dorothee
Commento: Io parlo di comunisti in quanto bandiere con la falce ed il martello, simbolo della peggiore dittatura, sventolano tutt'ora alle feste o manifestazioni di protesta contro chi non la pensa come loro. Si ricordi che i rappresentanti politici dovrebbero dare il buon esempio, pertanto fare la fila e pagare è il gesto più disciplinato e democratico che si possa dare.

Nome: marcello
Commento: Saremmo tutti ben felici se i privilegi della casta si limitassero a non fare la fila alle sagre!!!!! Vediamo ora cosa succederà con l'alta finanza mondiale che ci ha messo sotto tiro. Ma per favore non usiamo più certi termini come comunista o fascista, ormai relegati a un infausto passato. Io parlerei di buona e di mala politica ed ognuna dovrebbe avere il coraggio di denunciare il marcio nella propria. Questo giornale è la prova che la sinistra se vuole riesce a farlo, senza guardare padri-padroni!

Nome: Dorothee
Commento: A Marcello. Visto che in Umbria comanda la sinistra comunista, e lo fa come se fosse il PADRONE, non deve e non dovete lamentarvi se poi non ascoltano le vostre problematiche. Ricordatevi che i vostri politici, con il vostro voto, hanno fatto e faranno sempre quello che gli conviene. Qualche giorno fa ad una sagra locale è arrivato un esponente politico, al vertice, che non ha neanche fatto la fila alla cassa per pagare; ho assitito personalmente a quanto avvenuto. Ora cosa mi dice ?

Nome: marcello
Commento: Rispondo a Dorothee per dirle che apprezzo molto i suoi interventi perché ritengo essenziale in politica ascoltare le ragioni degli altri. E' vero, i comunisti "erano" per il pensiero unico. Ma a me sembra che oggi tra noi il pensiero unico, quello del padrone, sia da cercare in altri schieramenti.

Nome: Dorothee
Commento: Lamentatevi con i vostri compagni (i comunisti) e domandatevi perchè avete votato ancora uno schieramento che da anni è simbolo d'incapacità e di inettitudine sociale ed amministrativa.

Nome: marcello
Commento: Voglio in proposito ricordare quanto a me accaduto qualche anno fa. Il 6/6/06 inviammo al Comune, all’Arpa, alla Gesenu un reclamo avverso il frastuono prodotto dai camion di svuotamento dei grossi cassoni metallici e dall’aspiratore, dalle 5.30 alle 6, nel tratto tra via Angeloni e il sottostante piazzalone delle Poste. Il reclamo è firmato da 15 residenti. Il 4/8 riceviamo una raccomandata dal Comune, a firma del Dirigente dell’Unità Operativa Ambiente e Protezione Civile con la quale, dopo il riferimento alla “Carta dei Servizi di Igiene Urbana… che comprende l’efficienza e l’efficacia del servizio e i relativi standard di qualità del servizio, le informazioni e la valutazione del grado di soddisfazione degli utenti”, ci viene comunicato che l’esposto è stato trasmesso a GESENU. Siamo ancora in attesa della risposta. Qualcuno al call-center mi rispose che la Gesenu è un’azienda e non può ascoltare tutti i cittadini. Unico risultato è stato che i cassoni sono stati portati da due a tre e sono regolarmente semivuoti e tutti e tre vengono puntualmente scaricati alla stessa ora col solito frastuono da jet in sollevamento. Per cui bisogna dormire a finestre chiuse e con i tappi alle orecchie. Tornerà mai la democrazia nelle municipalizzate???????

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5209246