26/02/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> No al pagamento della maggiorazione del deposito cauzionale

No al pagamento della maggiorazione del deposito cauzionale
Mentre la Cassazione proclama la vittoria dei Sì, Umbra Acque triplica il deposito cauzionale sulle utenze morose.

Il 14 luglio la Corte di Cassazione ha  proclamato la vittoria dei Sì ai referendum del 12 e 13 giugno. I due quesiti sull’acqua sono quelli che hanno registrato il più alto numero di votanti, (27.689.455 il primo, 27.690.714 il secondo) e il maggior numero di Sì (25.931.531 il primo, 26.127.814 il secondo).

Mentre  il  Comitato chiede a tutti gli Ambiti Territoriali Integrati ed ai Sindaci Umbri di ottemperare immediatamente a quanto abrogato dai quesiti referendari, predisponendo gli atti necessari a togliere “l’adeguata remunerazione del capitale” dalla tariffa e ad avviare percorsi di ripubblicizzazione del servizio idrico integrato, Umbra Acque trasforma il deposito cauzionale sulle utenze in una sorta di “tassa punitiva” per i ritardatari dei pagamenti, in aggiunta naturalmente degli interessi di mora!

Chi paga, anche  con pochi  giorni di ritardo, è obbligato  a versare oltre agli interessi di mora previsti,  un deposito cauzionale triplicato, non previsto dal contratto iniziale di allaccio chi ha pagato anche con un solo giorno di ritardo la bolletta, forte del fatto che nel caso dell’acqua non si può recedere dal contratto, visto che non si può ne vivere senza acqua, ne scegliere il gestore!

In realtà questa “specie di tassa punitiva” non è altro che una manovra di Umbra Acque per fare liquidità colpendo gli utenti economicamente svantaggiati che già soffrono per l’impossibilità di rispettare le scadenze di pagamento, una vera  violazione del diritto all’acqua.

Vogliamo che i Sindaci modifichino il regolamento di gestione del servizio idrico, abrogando questo balzello e che Umbra Acque  interrompa  e rimborsi l’aumento del deposito cauzionale per i contratti già in corso.

Invitiamo i cittadini che non vogliono pagare tale aumento a versare l’importo della fattura decurtato,  a spedire la lettera – raccomandata  allegata a Umbra Acque e all’ATI 2   e a contattare Federconsumatori Perugia e Movimento Difesa del Cittadino,  per una maggiore assistenza legale.  

 Comitato Umbro Acqua Pubblica 

Elisabetta De Persio (3337826433)
Referente Regione Umbria

 



Comitato Umbro Acqua Pubblica

Inserito domenica 24 luglio 2011


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5042332