24/01/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Lettera aperta ai giornalisti italiani

Lettera aperta ai giornalisti italiani
Sulla Striscia di Gaza si succedono i bombardamenti di elicotteri Apache, Droni e cacciabombardieri F16 israeliani che si aggiungono ai cannoneggiamenti dal mare. Nessun giornalista italiano può testimoniare quello che accade dentro la città-prigione

LETTERA APERTA A TUTTI I COLLEGHI GIORNALISTI ITALIANI
di Mara Bottini

In tutti i 360 km² della Striscia di Gaza si succedono i bombardamenti di
elicotteri Apache, Droni e cacciabombardieri F16 israeliani che si
aggiungono ai cannoneggiamenti dal mare.
L’offensiva lanciata da Israele dopo l’attentato di Eliat – immediatamente scattata senza aprire alcuna inchiesta sui reali responsabili – colpisce i
civili: solo il primo giorno, 3 i bambini morti su 9 persone.
11, 13, 2 anni i piccoli angeli schiacciati da un odio più grande di loro.
Con l’unico peccato – mortale – di esser nati gazawi.
Oggi sabato 20 agosto 2011 alle ore 11 locali le vittime confermate dagli  ospedali sono oltre 40.

Da Facebook a Twitter, i giovani palestinesi della striscia più martoriata
del Medio Oriente chiedono umanità, stanchi di essere prigionieri 1, 2, 3, 4 volte.
Ostaggi delle divisioni/corruzioni/politiche dei loro Governi. Fatah e
Hamas.
Della ferrea volontà del Governo dei falchi israeliano, che persegue un sistema di Apartheid in tutti i Territori Palestinesi.
E che a Gaza opera un vero genocidio. Continuo, implacabile, passivamente accettato dal mondo.
Il segretario generale dell’ONU Ban-Ki-Moon ha espresso sdegno.
Come se bastasse a salvare le vite di persone innocenti, costrette a
scrutare il cielo in attesa di capire dove colpirà la prossima bomba, quale amico, moglie, sorella, figlio, fratello, cugino ucciderà.

La conta dei morti aumenta di ora in ora. Dall'altro ieri alle 17 l’attacco
non è mai cessato: si sposta da Gaza City a Rafah, da Khan Yunis a Deir al Bahal fino ai confini con il Sinai, dove sono stati uccisi anche soldati
egiziani. Lascia dietro di sé cadaveri di persone già disperate.
Già provate dall’operazione Piombo Fuso del 2008-2009.

La campagna militare delle Forze Armate Israeliane doveva colpire i
miliziani islamisti di Hamas saliti al potere dopo le "libere" elezioni
volute da USA e Israele. Che Hamas ha pensato bene di "santificare" con un bagno di sangue di civili dissenzienti e militanti di Al Fatah (500 morti in un solo giorno, neanche gli israeliani vantano un tal successo). Invece  ha falcidiato più di 2.500 persone - tra cui centinaia di bambini, migliaia di civili inermi e qualche (solo qualche) miliziano.
Il 6 gennaio i carri armati israeliani hanno sparato due colpi contro una
scuola dell'ONU nel campo profughi di Jabalya utilizzata come rifugio dalla popolazione dalla furia dei combattimenti tra Hamas e l'esercito israeliano.
30 morti e 55 feriti solo in questo attacco.
Fortunatamente durante tutto Piombo Fuso, gli israeliani uccisi dai razzi
Qassam sono stati 4 in totale. 16 le vittime degli ultimi anni. Morti
importanti, da ripettare e onorare. Come da onorare sono i 2500 caduti
palestinesi.

Oggi i Gazawi temono una nuova campagna, atterriti si chiedono quando cesserà l’ennesimo massacro.
I nipoti dei sopravvissuti dell’Olocausto usano la stessa tragica matematica dei nazisti. Ma la centuplicano: 1 israeliano morto  significa 100 cadaveri palestinesi. L’1 a 10 tedesco è superato.

Vorrei poteste vedere i visi, leggere i commenti su social network e siti,
ascoltare il susseguirsi dei nomi di morti e feriti, di luoghi attaccati e
palazzi crollati. Invece non potete. Nessun giornalista italiano può
testimoniare quello che accade dentro la città-prigione.
Vittorio Arrigoni è morto e Gaza è più sola.
Sappiate però che nella Striscia coraggiosi e quasi sempre gratis, agiscono reporter, fotografi, videomaker, giornalisti. CNN, BBC, Al Jazeera, Reuters collaborano con loro.
E pubblicano notizie verificate alla fonte.

L’Italia tace. Gli articoli hanno la certezza dei numeri forniti dagli
israeliani, la debolezza dei “si dice” e dei “dati non confermati” che
riempie ogni articolo senza conferme ha la flebile voce palestinese.
Più spesso c’è solo il loro silenzio di morte.

Ci sono, contattate i colleghi. Non solo tutti parziali, non sono tutti
hamaisti, o terroristi: il pregiudizio comune non vi spinga, cari colleghi
giornalisti,  a dimenticare l’obbiettività. L’umanità.
Parlate per favore un linguaggio che non sia il solito, straziante monologo dettato da Israele.

Allego telefoni, indirizzi di posta elettronica, link di siti. Indagate.
Fate il vostro lavoro.
Ricordate il valore della nostra professione.
Basta guardare: video, foto, dichiarazioni mediche. Già dalle immagini
potrete vedere bimbi straziati, abbrustoliti – letteralmente -  da armi non
convenzionali e proibite dalla legislazione internazionale come le bombe al fosforo bianco.

Guardare e scrivete. Per favore.
Contribuite a far cessare lo sterminio. Provate a guardare quelle facce
stravolte, quella carne lacerata, carbonizzata, violentata. Dopo io credo,
potrete pubblicare articoli più imparziali di quelli pieni di ignoranza che
funestano in questi giorni web e carta stampata.

Ieri l’ANSA citava i morti di Erat, scordando che ai 6 caduti israeliani
già se ne erano aggiunti 5 da Gaza. Oggi un post di Rainews
http://www.rainews24.it/it/news.php?newsid=155690&utm_source=Rainews24+via+twitterfeed&utm_medium=twitter&utm_campaign=news riporta le dichiarazioni di Hamas che considerano rotta la tregua con
Israele stabilita nel 2009, riporta numeri e dichiarazioni di morti
israeliani. Non cita nemmeno uno dei 40 gazawi uccisi dalle forze armate israeliane: da quel pezzullo si deduce che Hamas attacchi Israele, nulla a
indicare che Gaza da 3 giorni è bombardata da mattina a notte fonda. E che dopo una breve sospensione all’alba, ricominciano i tuoni delle bombe e i suoni disperati delle ambulanze.
Questa informazione univoca deve finire. Ne va della nostra professione.

Nessun distinguo: sono tutti vittime e carnefici. Palestinesi e israeliani:
come insegna Albert Camus l’uno si trasforma nell’altro durante l’asprezza di una guerra. Nessuna presa di posizione contro gli uni per gli altri.
Solo la richiesta di usare l’umanità che solo una verità approfondita
determina, di saper guardare la differenza tra Popolo e Governo.

Le parole possono essere paragonate ai raggi X; usate a dovere, attraversano ogni cosa. Leggi, e ti trapassano. Aldous Huxley IL MONDO NUOVO.

Ecco. Siate i raggi x di questo conflitto. Raggi x anziché fotocopie.
Perché ora i media italiani non pubblicano analisi e approfondimenti
bilaterali, scrivono le parole di una sola parte offesa. Dimenticando che
questa è anche parte in causa. Una parte belligerante, attiva si: di Droni,
Apache, F16. Attivamente omicida verso i civili così come lo è Hamas.
Fortunatamente a oggi sono 10 le vittime israeliane tra soldati e cittadini.
Sui 40 morti palestinesi, solo 3 i miliziani.

Lo squilibrio inizia dalle vostre penne incerte. Aiutate Gaza e i Gazawi.
Non Hamas. Il Popolo palestinese. Il popolo della Striscia. Gente, persone, non terroristi.
Aiutateli ritrovando l’equanimità persa.  I pregiudizi di cui sono vittime
li uccidono ogni volta.

Come scrive Vittorio Arrigoni sul libro Gaza Restiamo Umani, se ognuno di noi fosse solo per un minuto al giorno palestinese così come i nostri nonni sono stati ebrei, non ci sarebbe questa strage impunita e inascoltata.L’Europa ha combattuto Hitler e Mussolini. Italiani comuni e partigiani hanno combattuto nazismo e fascismo. La tragedia dei campi di sterminio è tra le più drammatiche e tra le più documentate della storia.

Oggi si ripete la discriminazione razziale, oggi la Striscia di Gaza è un
lager a cielo aperto. Che non può liberarsi di nessuno dei suoi aguzzini.
Non del proprio Governo di Hamas, che impone un vero Stato di Polizia. Non delle persecuzioni israeliane, che falcidiano vittime inermi. Non del
silenzio assordante del mondo che pare non considerarli umani.

RIEPILOGO
A 6 ORE FA
Gaza Hospitals Announces The State of Extreme Emergency In Gaza City
And the Final Outcome For the Past Hour Is :
1- Five Raids On Center Gaza City .. And Two On Khanyounis City.
2- One Martyr " 13-y Old " And 12 Injuries, In the Attack Of Abu-Samra Home.
3- Two Martyrs In The Attack Of Anssar Building.
4- Abu-Samra Home Was Totally Destroyed.
5- Anssar Building, Arafat Police Academy and Al-Muntada Building Were poorly Damaged.


ORA SI AGGIUNGE LA 9 VITTIMA: Mohammed Enaya, 22, just killed by israeli missiles not in Gaza but .. Eastern Zeitoun from Danmike

E nel mentre scrivevo questo pezzo, che non ha certo la velleità di essere un articolo, è arrivato il NUMERO 10. Era un uomo che percorreva la strada con la sua motocicletta a nord della Striscia.
Due i bambini feriti, nel tempo di mezz’ora. Uno ha perso le gambe.

PER UN TOTALE A ORA DI 10 MORTI E 23 FERITI GRAVI.

Ma questa conta è superata: oggi sabato 20 agosto 2011 alle ore 11 locali le vittime confermate dagli ospedali sono oltre 40.

SE VOLETE FOTO E NOTIZIE, ALLEGO I NOMI DI 2 GIORNALISTI DI GAZA.
SE VI BASTANO LE VELINE DEL GOVERNO ISRAELIANO, LASCIO A VOI IL CONFRONTO CON LA VOSTRA ETICA PROFESSIONALE

Abed Enen giornalista, Rafah mail alllove.ab@hotmail.com

Sameh Ramadan
journalist - Translator
Gaza Strip
s_ramadaan@yahoo.com
00970597211162

Mohammed Omer
@Mogaza su Twitter
Profile: Chicago/Gaza, Mohammed Omer (1984)is a Palestinian journalist.



Mara Bottini

Inserito domenica 21 agosto 2011


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5465701