02/06/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> I sindacati locali e l'inceneritore

I sindacati locali e l'inceneritore
Sarebbe meglio che i sindacati si occupassero dei problemi dei lavoratori, piuttosto che fare "da sponda" a certi interessi di alcuni faccendieri

Leggo sul giornale di oggi che i sindacati locali Cgil Cisl e Uil si ritrovano uniti nel sollecitare l'avvio dell'inceneritore (chiamato termovalorizzatore, parola scaturita dalla fantasia di quelli che lo vogliono far digerire come una cosa utile ma che non esiste nemmeno sul vocabolario).

Sarebbe meglio che i sindacati si occupassero (e possibilmente con risultati positivi) dei problemi dei lavoratori che mi sembra di questi tempi cosa non da poco, piuttosto che fare "da sponda" a certi interessi di alcuni faccendieri.

Inoltre sarebbe interessante che i giornali scrivessero nome e cognome di questi sindacalisti piuttosto che riportare delle generiche sigle .

Antonio Fratini

P.S.: Per chi volesse sapere i benefici effetti dell'aria che esce dagli inceneritori di ultima generazione, consiglio l'articolo che segue :

E’ quello che afferma il dr. Ernesto Burgio, Coordinatore Nazionale del Comitato Tecnico scientifico di Isde-Medici per l’ambiente Italia.


" Gli inceneritori di ultima generazione per ridurre le emissioni di diossina producono un notevole quantitativo di “nanopolveri” che sono circa cento volte più piccole delle famose Pm10. Queste, essendo così piccole, sfuggono a tutti i filtraggi e penetrano in profondità nei tessuti fin dentro alle cellule trasferendo li il loro carico di metalli pesanti, idrocarburi, diossine ecc. ecc.

Gli ultimi studi pubblicati su auterevoli riviste mediche dimostrano che queste sostanze, anche se in quantitativi non tossici, interagiscono con le proteine che regolano l’espressione del Dna.

Gli studi fatti su piccoli mammiferi dimostrano poi che i danni subiti da queste cellule sono stati trasmessi ai figli ed ai nipoti che hanno manifestato malattie croniche causate dalle esposizioni alle nanopolveri da genitori e nonni.

Questi nuovi studi dopo quelli fatti dall’oncoematologa Patrizia Gentilini che da tempo sostiene: “è la prima volta nella storia umana che la generazione dei figli si trova in uno stato di salute peggiore di quella dei genitori” dimostrano ancora una volta la pericolosità dell’incenerimento dei rifiuti.

Mi sorprende che ancora ci sono persone che sostengono che gli inceneritori di nuova generazione non fanno male. Ogni volta che sento qualcuno che lo dice mi chiedo se è stupido, disinformato o corrotto."


Io non avrei dubbi....



Antonio Fratini


Inserito venerdì 2 settembre 2011


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5171685