22/01/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> In Bolivia hanno vinto gli indigeni: l’autostrada amazzonica non ci sarà

In Bolivia hanno vinto gli indigeni: l’autostrada amazzonica non ci sarà
Il presidente Morales ha sospeso il progetto


Dopo gli ultimi giorni di forte tensione, il presidente boliviano Evo Morales ha annunciato la sua decisione di sospendere il progetto autostradale contro il quale, da circa un mese, protestavano i nativi.

Erano partiti in centinaia da Trinidad, capoluogo del dipartimento di Beni nel nord est della Bolivia, alla metà di agosto: tutti nativi americani che si opponevano al progetto di una strada lunga oltre 300 chilometri che avrebbe unito la città di Villa Tunari, nella regione di Cochabamba, a San Ignacio de Moxos, passando attraverso un’area abitata da circa 50000 persone, divise in 16 comunità di autoctoni, e, soprattutto, attraverso il Parco Nazionale Isiboro Secure, nel centro del paese, già dichiarato Territorio Indigeno.





Inserito domenica 2 ottobre 2011


Commenta l'articolo "In Bolivia hanno vinto gli indigeni: l’autostrada amazzonica non ci sarà"

Commenti

Nome: pedro navaja
Commento: Mi permetto di dire: sbagliato. Anche se non ce n'era bisogno, sto vedendo mentre scrivo Evo in televisione insistendo per la costruzione della strada, che verrà costruita, con le solite accuse agli indigeni. Il discorso è “NON NEGOZIABILE": lo dice lui. La costruzione è appunto sospesa, solo momentaneamente paralizzata. Ciò non significa che “non ci sarà”. Evo ed i suoi elettori colonizzatori continuano a volerla. E' difficile pensare che non vincano con l'enorme apparato mediatico, poliziesco e dell'esercito a loro disposizione. Inoltre la notizia non dice che la sospensione è stata ottenuta solo dopo la reazione dell'opinione pubblica nazionale ed internazionale alla brutale repressione della pacifica marcia indigena. Centinaia di poliziotti scatenati alla caccia di intere famiglie indigene, con feriti, umiliazioni (imbavagliati con nastro adesivo), violenze contro donne, anziani e soprattutto bambini, dispersi e separati dalle madri, alcuni forse morti. Infine se volete maggiori informazionio consiglio la lettura dei seguenti post e commenti relativi: resoconto generale del conflitto, motivazioni, retroscena, ecc: http://www.ilcambiamento.it/foreste/bolivia_costruzione_strada_riserva_india_tipnis.html repressione: http://www.durito.it/2011/09/bolivia-lo-scempio/#comment-112 responsabilitá della repressione http://www.durito.it/2011/09/morales-non-e-un-santo/#comment-114 Biodiversitá del TIPNIS (almeno per avere un'idea dell'importanza biologica dell'area): http://acomeavventura.com/in-difesa-della-pachamama/

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5462922