25/01/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Le operaie sotto le macerie di Barletta

Le operaie sotto le macerie di Barletta
Probabilmente lavoravano in nero

Dedichiamo la nostra prima pagina alle quattro operaie di Barletta, e alla figlia di una di loro, morte sotto il crollo della palazzina di Barletta.
Sembra davvero un altro, ennesimo otto marzo, in cui operaie sfruttate perdono la vita perché nessuno si cura della sicurezza.
A loro pensiamo mentre qualcuno, tra i grandi imprenditori o nella destra che ci sgoverna, fa di tutto per "semplificare" le norme e le garanzie, per dividere i lavoratori, e per riportarci indietro nel tempo: al tempo in cui morirono le operaie di Chicago. E pensando a loro ci è più chiaro che, limitando e negando i ditritti dei più deboli, si limitano e si negano i diritti di tutti.
Dedichiamo loro la nostra apertura e la nostra attenzione, mentre i mezzi di comunicazione di massa creano "eventi" (anche qui a Perugia) per non parlare della realtà. Nel nostro piccolo, non vogliamo esser complici di queste distrazioni di massa.




Inserito martedì 4 ottobre 2011


Commenta l'articolo "Le operaie sotto le macerie di Barletta"

Commenti

Nome: Angela
Commento: Riporto le bellissime parole di Massimo Gramellini su La Stampa del 5 ottobre. E’ crollato un muro, ma è come se si fosse spalancato un sipario. Le donne morte nel sottoscala di una palazzina di Barletta confezionavano tute e magliette per meno di quattro euro all’ora. Tina, Matilda, Giovanna, Antonella: il Sud-Est asiatico nel Sud-Est italiano. Avevano trent’anni, un marito disoccupato e il mutuo della casa da pagare: la condizione disperata di chi non può più contrattare neppure la propria dignità. La tragedia ha scoperchiato un destino analogo a quello di mille altri sottoscala, dove si lavora stipati come conigli in tane fetide, senza uscite di sicurezza e senza luce. Funziona così: l’azienda fallisce, chiude, licenzia e poi riapre in un seminterrato, che a volte è addirittura un garage, offrendo lavoro nero e sottopagato a un manipolo di donne – giovani madri, per lo più – disposte a tutto pur di aiutare la famiglia a sopravvivere. Sono le schiave dei tempi moderni. Condannate a ripetere lo stesso gesto per dieci, dodici, quattordici ore al giorno. Troppo stanche, angosciate e ricattabili per poter protestare o anche solo prendere coscienza dei propri diritti. «Se non ora quando?» è una domanda che sfiorisce prima di giungere ai loro orecchi. Non può esistere idea di riscossa per chi ha come orizzonte esistenziale la prossima bolletta. Nessuno vuole infierire sui datori di lavoro che nell’incidente di Barletta hanno perso la figlia quattordicenne, scesa nel seminterrato in cerca dei genitori un attimo prima del crollo. Ma chi fa lavorare dodici donne in un buco fatiscente di quindici metri quadrati non è un imprenditore. E’ un disgraziato. Nessun ragionamento economico giustifica lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo. Un principio che vale ovunque, ma a maggior ragione in questa parte di mondo, dove certi racconti speravamo di averli confinati per sempre nei romanzi di Charles Dickens. Stiamo assistendo alla deriva caricaturale della globalizzazione. Stiamo importando condizioni di lavoro cinesi (e proprio mentre i cinesi cominciano gradualmente ad abbandonarle) perché pretendiamo di fare concorrenza alle tigri asiatiche sul terreno del famigerato «low cost». Ma una tuta italiana non dev’essere più economica di una tuta cinese. Dev’essere più bella. Altrimenti che italiana è? Da questa crisi non si esce riducendo i lavoratori più deboli al rango di bestie, ma elevando la qualità del prodotto, cioè dei dipendenti, con corsi professionali che li riqualifichino. Urge tornare tutti a scuola di italianità – operai, artigiani e imprenditori – imparando di nuovo a produrre oggetti eleganti e geniali, non tristi fotocopie di altre fotocopie. Continuo a sognare un’Italia del Sud che riesca a trarre benessere dalle sue miniere inesplorate di natura e cultura. A far soldi con gli agriturismi non con le magliette, con i musei non con le magliette, con i tramonti non con le magliette. Il mondo ci percepisce come il deposito della bellezza e della qualità della vita. Invece noi continuiamo a rinnegare noi stessi, in nome di una visione piccola e frustrata, da eterni Malavoglia incapaci di alzare gli occhi dal seminterrato quotidiano in cui ci siamo autoreclusi, per risvegliare finalmente la meraviglia addormentata che ci circonda da sempre.

Nome: francesco
Commento: e gli indignados nostrani sono i diego della valle!!!!!!!!!!!

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5467353