19/01/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> La lettera

La lettera
...tutt'al più, pe' cuntentà l'Europa, potron licenzià tai disoccupate

1.

Da qualche giorno so' tutte preoccupate
perché 'l presidente de 'l consijo
ha scritto tai compari de Brussèl
ch'é d'accordo a licenzià do' pijo pijo
e pure quil'altro presidente ha ditto
che si l'Europa chiede tocca stacce.

Ma io n' capisco 'sta preuccupazzione
-  anche 'n tv se vedon certe facce! -
che si la situazione resta quista:
la crisi cresce e 'l guverno nun cade
tutt'al più, pe' cuntentà l'Europa
potron licenzià tai disoccupate.


2.

Le denunce, i scandale, 'l tribunale
de Milano, la stampa comunista
i compagne de merenda 'ntercettate
la monnezza e vent'anni de No Tav
pu' j'indignate 'n piazza  nco' i bloc blac.
'N se po' di' che 'n c' l'emo missa tutta
pe' mandà a casa Silvio Berlusconi.

Ch'altro em da fa?
La bomba è radiattiva e 'n se ne parla!
L'esercito ce l'emo già 'mpegnato.
La malatia e la morte ta nissuno.
'L malocchio è robba de superstizzione
                                         
Che dicete?
Ch'onno ragion le donne de strillà
ch'a furia d'aspettà 'n se fa mai giorno?
Che ce vorria 'na bella opposizione
ma drent'al parlamento, oltre che fora?
Ch'è cussì che se fa 'n democrazzia?

E come la chiamate 'sta manfrina?
Dicete che se chiama fà  politica.
Ma allora parlo a vanvera o che altro?
Volemo ragionà de cose serie
o c'abbademo nco' la fantasia?

(Confesso anch'io però che 'n po' me rosica).

(Silvana Sonno)



La Suntina de Bartoccio

Inserito domenica 30 ottobre 2011


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5458355