02/06/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Chiedere un passo indietro agli indagati

Chiedere un passo indietro agli indagati
Subito una riunione di maggioranza: è necessario tutelare l'istituzione regionale da ogni ombra o sospetto

"Una situazione imbarazzante e inedita che necessita di decisioni rapide e di un orientamento chiaro e inequivocabile da parte di tutte le forze del Consiglio regionale, a iniziare da quelle di maggioranza". Queste le parole con le quali Oliviero Dottorini chiede un'immediata convocazione dei gruppi consiliari di maggioranza per prendere in esame la situazione venutasi a creare a seguito dell'avviso di garanzia che ha raggiunto il vice presidente del Consiglio regionale Orfeo Goracci.

"Non possiamo far finta di niente - aggiunge Dottorini -, è necessaria una riunione della Conferenza de capigruppo del Consiglio e, prima ancora, dei gruppi di maggioranza. Ci auguriamo che presidente e vice presidente del Consiglio regionale possano dimostrare la propria estraneità ai fatti, ma allo stesso tempo dobbiamo tutelare la massima istituzione regionale da ogni ombra o sospetto che possano indebolirne autorevolezza e ruolo di garanzia. In questo come in altri casi riteniamo utile e opportuno un passo indietro che consenta di separare i destini personali di chi è indagato da quelli dell'istituzione che rappresenta. E' quanto mai necessario un incontro dei gruppi di maggioranza che consenta un orientamento univoco improntato al rigore e alla trasparenza. Allo stesso tempo è opportuna una riunione della Conferenza dei capigruppo del Consiglio regionale per comprendere in che modo si intende garantire la funzionalità e l'autorevolezza alla massima istituzione regionale".

Perugia, 6 novembre 2011



Oliviero Dottorini

Inserito lunedì 7 novembre 2011


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5171694