19/01/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Open Source alla Bernardino di Betto

Open Source alla Bernardino di Betto
sabato 26 novembre
Abbiamo adottato il sistema operativo Gnu/Linux , avviato l'educazione al software libero e ai formati aperti.
Tutti i PC ormai obsoleti sono stati trasformati in thin-client grazie al progetto Linux Terminal Server ed ora sono diventati delle efficienti Workstation multimediali.
Tutta la navigazione internet della scuola viene controllata e filtrata grazie ad un Firewall Linux e tutti i contenuti non adatti vengono automaticamente bloccati.
La scuola inoltre ora è coperta da una Rete Wireless con un sistema di accesso tramite un HotSpot centralizzato, realizzato sempre con software OpenSource, al quale i
docenti si possono connettere e fare lezioni multimediali anche dalle aule.
L'introduzione di Lavagne multimediali basate sul sistema WiiLD ci permette di risparmiare e di utilizzare lo strumento in maniera portatile rispetto alle classi.
Ne parleremo insieme per presentare i nostri risultati presenti e per programmare i progetti futuri sabato 26 novembre dalle 10:00 alle 13:00 alla Scuola Media Bernardino Di Betto
Via Roma
06121 Perugia
tel. 075 5722086
link Gmaps: http://g.co/maps/aep5e
.
L'evento aperto a tutti  Invito.pdf


Inserito martedì 22 novembre 2011


Commenta l'articolo "Open Source alla Bernardino di Betto"

Commenti

Nome: Lombrica
Commento: Sono d'accordo con Angela. Ogni scuola dovrebbe avere un laboratorio simile. Credo che le autorità locali hanno proprio sbagliato a snobbare l'evento, bastava pure un consigliere, ma la volontà di essere partecipe della vita cittadina non è di questa amministrazione.... troppo occupata a fare eventi inutili in centro e poco vicina ai cittadini che in fondo chiedono cose semplici!

Nome: Angela Cataliotti
Commento: Le buone pratiche come quella di riutilizzare strumenti obsoleti con sofware liberi che garantiscono le funzioni essenziali con un minor uso di risorse dovrebbero essere incentivate, anche in un'ottica di risparmio in tempi di crisi. Eppure quest'anno non sono ancora stati stanziati i fondi che, grazie alla legge regionale sul pluralismo informatico del 2006, consentirebbero di cofinanziare progetti simili a quelli della Bernardinio di Betto. E sabato il nuovo laboratorio è stato presentato purtroppo in assenza dei rappresentanti delle istituzioni.

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4997110