27/02/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Critica e dibattito democratico sulla mobilità pubblica a Perugia

Critica e dibattito democratico sulla mobilità pubblica a Perugia
Un appello alla ricerca di soluzioni costruttive per un problema reale. Risposta ad Abiuso

 

 

Claudio Abiuso, avendo saputo di un incontro organizzato da LeViedellaSalute presso il bioshop Natural@Mente, sulla democrazia partecipativa si è appellato a questo principio indicando la sua azione per un referendum sulla mobilità, che avrebbe raccolto oltre mille firme nelle frazioni dei Ponti di Perugia ed ha chiesto la pubblicazione di un suo intervento. Il foglio informativo “LeViedellaSalute” di cui sono direttore, può accogliere contributi sui temi della vita sociale ed il benessere collettivo, ma io ho proposto di rivolgerci alla Tramontana, spazio di confronto più idoneo al tema.

Abiuso ha colto la disponibilità al confronto per rivolgersi pubblicamente ai consiglieri con un cortese appello. Si tratta di una cosa diversa discutere fra di noi o appellarsi agli amministratori. “Le Vie della Salute” non era né pronta né interessata a questo piano, per ora, ma Renzo Zuccherini, il direttore de la Tramontana, ha accettato di pubblicare l’appello sulla Tramontana. Resta fermo che l’ospitalità ad un intervento non è un atto dovuto e che ogni redazione ha diritto di scegliere temi e modi per sollevare le problematiche da discutere e come discuterle.

Condivido con Renzo Zuccherini, l’interesse per le proposte costruttive e diffido dai risentimenti sugli errori amministrativi del passato. Il problema non è secondo noi la colpa dei singoli amministratori quanto la capacità di costruire una società civile, efficace e democratica.

D’altro lato sono d’accordo con Abiuso che resta ancora da scoprire quale sia la maniera efficace per affrontare questioni importanti e reali in un sistema politico che sta dando dei segni di autoreferenzialità. Certo nessuno ha la ricetta in tasca e non si può che cercare un percorso condiviso, di confronto fra le diversità.

Per far questo dobbiamo evitare di confondere i problemi aperti, anche quelli delle scelte amministrative, con i giudizi personali su chicchessia. Va dunque distinta la critica dei fatti dalla critica alle persone. Questa è una regola della prassi nonviolenta. Ciò non significa essere ingenui e non vedere che talvolta le scelte sono condizionate da interessi personali o di gruppi che hanno concezioni molto particolari del bene pubblico. Tuttavia lo strumento linguistico può favorire o ritardare il cambiamento. Per superare la corruzione e le furbizie delle caste bisogna sapere fare alleanze e muoversi insieme. La scelta de “Le Vie della Salute” e penso anche della Tramontana è di evitare insulti e polemiche sterili.

Ora il punto è se esiste un disagio della popolazione dei Ponti per lo stravolgimento dei servizi di trasporto pubblico si o no !? E la mia percezione è che un disagio esista e che il problema della mobilità vada affrontato ascoltando la gente e non solo coprendo i buchi di bilancio. Il punto è come affrontarlo? Solo con la critica, con le proposte di abolizione o arroccandosi alla richiesta di ritorno al passato oppure con disponibilità a cercare soluzioni innovative? Una cosa infatti è criticare, altra costruire progetti capaci di trasformare in meglio la realtà sociale.

Ed allora chiedo ad Abiuso. “Cosa proponi di plausibile e non strumentale per risolvere il problema della mobilità pubblica dai Ponti al Centro storico ed alla stazione? Quali sono le soluzioni reali e creative per i cittadini dei Ponti ?”

Apprezzandoti per la tua incontaminata coerenza ti chiedo tuttavia flessibilità e creatività in modo che la tua energia si trasformi in un contributo per tutti. 

Grazie

 



Francesco Tullio

Inserito domenica 30 novembre 2008


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5043321