21/05/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> J'atte nn'en boni

J'atte nn'en boni
disse 'l rospo quanno vide che aguzzaveno 'n bastone

Da quanno Berlusconi se n'č gito
- e 'n se po di che 'n c'č la Provvidenza! -
al guverno ce stonno i professore
pe fa sė che la crisi passerā
senz'afogā l'Italia e j'Italiane.
Almeno quista pareva l'intenzione.

Ma i prime passe del guverno novo
me fon pensā ta quil che disse 'l rospo
quanno vide che aguzzaveno 'n bastone.
J'atte nn'en boni, cari i mi signori,
e tu qui 'n se po sta 'n momento 'n pace
perché bisogna fa molta attenzione
e guardacce le spalle come rane
che quil bastone aguzzo nun me piace.

Ma noaltre semo 'n popolo geniale
e si la situazione nun mijora
e 'l gioco se fa duro da giocā
la carta giusta pe vince la partita
la tireremo de siguro fora.
Sapem giocā da duri a l'occorrenza
calamo l'asse e la facem finita.

- Arcuminciamo a 'nvocā la Provvidenza! -

Silvana Sonno
 

                                               



(la Suntina)

Inserito mercoledė 14 dicembre 2011


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4648670