16/02/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> In Italia si consuma giornalmente una grande quantità di suolo per continue cementificazioni

In Italia si consuma giornalmente una grande quantità di suolo per continue cementificazioni
Michele Serra: “chissà quando capiremo che questa materia è più cruda, più strutturale, più decisiva per il futuro di qualunque appassionato dibattito sull’euro e sul deficit pubblico”

Ormai è appurato: in Italia si consuma giornalmente una grande quantità di suolo per continue cementificazioni. L’allarme, diffuso da più parti, non sembra avere alcuna efficacia. Saltano così tanti luoghi comuni sulle bellezze naturali di questa o quella zona. Anche l’Umbria, definita verde per antonomasia, sta cambiando identità. Un esempio su tutti: la trasformazione della superstrada E45 in autostrada. Una minaccia per un patrimonio paesaggistico, celebrato in pittori rinascimentali, che si ripropone nel programma governativo delle “Grandi opere”. Che, invece di rilanciare l’economia italiana, non farà altro che continuare in una politica in cui viene confermato un sistema economico mondiale fallimentare, insostenibile da un punto di vista ambientale e distruttivo per l’intero pianeta. Anche la città capoluogo, Perugia, con tutto il suo retaggio storico-culturale, sta subendo da qualche anno un fortissimo degrado urbanistico. Ovunque nascono nuovi centri commerciali, come un megastore di una grande multinazionale del legno in periferia, a danno di aree ad alto pregio agricolo svincolate con il ricorso alle varianti del PRG. Mentre la costruzione di sempre nuovi nuclei urbani, senza un’effettiva richiesta abitativa, apre spazi ad interessi “particolari”. Eppure le istituzioni democratiche non sembrano rendersene conto o non vogliono. L’intervento di Michele Serra nell’Amaca di Repubblica di giovedì 2 febbraio, quando dice “chissà quando capiremo che questa materia è più cruda, più strutturale, più decisiva per il futuro di qualunque appassionato dibattito sull’euro e sul deficit pubblico” è assolutamente condivisibile.

Socio Legambiente Circolo di Perugia.



Lauro Ciurnelli

Inserito venerdì 10 febbraio 2012


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5032402