22/04/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> L'iridologia olistica

L'iridologia olistica

E' una tecnica d'indagine alternativa utilizzata da chi pratica la medicina naturale (naturopata) ossia quella medicina che si occupa di mantenere in salute (prevenzione) e curare gli squilibri organici con semplici rimedi privi di effetti collaterali.
L'iridologia era già  conosciuta da Ippocrate che enuncia: "così gli occhi così il corpo", successivamente da Paracelso e da tutta la tradizione medica popolare. Anche in alcuni papiri egizi vi è traccia di questa tecnica.
E' noto il detto "gli occhi sono lo specchio dell'anima" a significare che l'espressione degli occhi rivela quello che siamo e abbiamo dentro: il divino che attraverso l'espressione e la luminosità degli occhi si esprime e comunica i nostri sentimenti e le nostre passioni.
Gli occhi possono esprimere gioia, malinconia, odio, amore, tutti sentimenti che rappresentano un particolare stato emozionale personale difficile da nascondere.
L'iridologia è una tecnica d'indagine mediante la quale è possibile individuare quali sono le condizioni energetiche e funzionali dell'organismo. E' un esame non invasivo che non sostituisce la visita medica, ma semmai la integra. Il controllo dell'iride va visto in funzione di medicina preventiva, poiché, spesso, permette di individuare, prima che compaiano i sintomi di malattia, quali sono le condizioni di organi ed apparati e quindi di mettere in atto la prevenzione primaria.
L'esame dell'iride può, anche, rilevare quali sono gli organi geneticamente più deboli e quindi predisposti ad ammalarsi. Tutto questo è possibile perché nell'iride, attraverso il sistema nervoso e circolatorio, giungono e vengono registrate le informazioni da tutto il corpo. Ogni piccolo segno o cambiamento di colore può avere un significato, che interpretato nel giusto modo permette di sapere qualcosa in più di noi.
A volte è sorprendente, anche per l'iridologo, constatare con quale precisione l'iride registra i cambiamenti dello stato di salute avvenuti, anche, decenni prima. Ma non sempre è così, alcune volte ci si trova davanti ad iridi che dicono poco e solo attraverso il colloquio con il cliente e l'osservazione dei tratti somatici si riesce ad avere delle informazioni per impostare un trattamento adeguato.
L'esame dell'iride permette di vedere l'intero l'organismo e quindi di valutarne le relazioni in un'ottica di medicina olistica.
Attraverso l'iride è possibile valutare lo stato tossinico e la forza vitale dell'organismo, cioè la capacità  di reagire per ristabilire la salute.
Per poter accedere a tutte queste informazioni, gli iridologi hanno diviso l'iride in settori radiali e circolari ed a questi hanno abbinato gli organi e le singole parti del corpo, realizzando così una mappa organica dell'iride.
Per fare una "diagnosi" non si deve solo osservare l'iride, ma fare una corretta anamnesi, ascoltare il cliente e osservarne il comportamento. L'iridologo, che in genere è anche un naturopata, per riequilibrare eventuali disarmonie, oltre alla prescrizione di fitopreparati, darà  suggerimenti per uno stile di vita corretto e indicazioni alimentari personalizzate.
L'importante è non limitarsi ad una valutazione puramente fisica, ma considerare quello che vi è al di là , cioè una persona con il suo vissuto, le sue emozioni e la sua anima. Molto spesso la malattia fisica è una somatizzazione dello stato di disagio psicologico ed è un messaggio dell'anima che attraverso il fisico si concretizza per darci la possibilità  di guarire per evolvere.



Aldo Alessi


Inserito giovedì 4 dicembre 2008


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5592776