18/01/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> I ragazzi e le ragazze del Comenius al telaio...

I ragazzi e le ragazze del Comenius al telaio...
Visita al laboratorio tessile Brozzetti : un salto nella magia dell'artigianato umbro


In questo anno scolastico 2011/2012 le classi 4 A e B dell’Indirizzo Biologico dell’I.I.S.” Giordano Bruno” di Perugia hanno aderito al progetto Comenius, “Chemistry as a cultural enterprise - La chimica come impresa culturale”, avviato l'anno  precedente dalle attuali classi quinte dello stesso Indirizzo Biologico.  

Il progetto nasce in seno all’Unione Europea nell’anno della chimica e vi partecipano sei stati europei: Italia, Spagna, Inghilterra, Olanda, Austria e Irlanda. Nel corso di questi due anni sono stati affrontati temi diversi come il pane, le bevande alcoliche, i pigmenti, i prodotti cosmetici, tutti argomenti sviluppati dal soprattutto dal punto di vista chimico e scientifico oltre che storico-culturale.

L’unica scuola italiana che ha aderito al progetto è l’I.I.S. Giordano Bruno. Il tema trattato dalle classi di questo anno è “La moda e i tessuti”. Per approfondire il tema gli alunni sono andati a visitare il laboratorio tessile “Brozzetti”. In questo luogo i ragazzi hanno potuto affrontare al meglio la parte storico-culturale dell’argomento, facendo così un meraviglioso salto indietro nel tempo, che ha permesso loro di entrare in contatto con quello che è il vero artigianato umbro. Ma qual è la storia di questa industria tessile?

Nei primi anni del XX° secolo, per le campagne di Perugia passeggiava una signora alquanto curiosa, appassionata della cultura delle sue terre. Uno strano rumore proveniente da una casa catturò la sua attenzione. Entrata nel' abitazione, ella vide un oggetto che attirò il suo interesse: un telaio. Era un macchinario affascinante, testimone di una delle più antiche tradizioni umbre: la tessitura.

Questa signora si chiamava Giuditta Brozzetti, era la Direttrice Didattica delle scuole perugine nonché la fondatrice del   laboratorio tessile Brozzetti, tuttora attivo a Perugia, in via Tiberio Berardi,5/6. Il laboratorio in questione è situato all'interno di una suggestiva chiesa sconsacrata ancora pregna del suo antico splendore.

Qui vengono tessuti manufatti, come ad esempio tovaglie in seta, ornate con i tipici motivi perugini (a grifone e a grappolo d’uva). Questi splendidi manufatti esistevano già da molti secoli; indifferenti alla loro bellezza non rimasero artisti come Leonardo Da Vinci e il Perugino, che li rappresentarono nelle loro opere. Inoltre codesti tessuti erano così pregiati da essere usati come premio nei tornei cittadini. Di questi premi ne è rimasto uno, una splendida tovaglia, conservata presso la Galleria Nazionale dell'Umbria.

La visita al laboratorio, oltre che un viaggio nel tempo, per i ragazzi è stato un ottimo presupposto per conoscere l’arte di altre culture, in quanto gli Umbri ereditarono nell'arco dei secoli motivi provenienti da popoli orientali e bizantini, tuttora rappresentati dalla Brozzetti nei suoi manufatti.

Questo viaggio all’interno della cultura perugina verrà esposto, assieme al resto degli elaborati dai ragazzi del “Giordano Bruno”nell’incontro finale, che si terrà Venerdì 11 maggio 2012 nella scuola Olandese di Groenlo, un piccolo centro a circa 100  Km dal Amsterdam.



(a cura della prof. Cristina Gatti)


Inserito martedì 1 maggio 2012


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4996434