29/02/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> No ai 15 milioni di euro per gli F35

No ai 15 milioni di euro per gli F35
Contro gli sprechi in tempo di crisi


Italia dei valori si esprime su una questione controversa e che sta facendo discutere: un ordine del giorno presentato in consiglio regionale perché l’Umbria dica No ai 131 cacciabombardieri F35 e agli sprechi militari che il governo Monti conferma nonostante la grave crisi che sta sacrificando famiglie e imprese.
Per questo Oliviero Dottorini, capogruppo regionale dell’Idv, assieme al collega Paolo Brutti chiedono un impegno da parte della regione affinché contrasti “una spesa economica altissima per piani di riarmo ingiustificati e iniqui”.
Sarebbero infatti previsti oltre 15 miliardi di euro, che andrebbero ad innalzare la pressione fiscale ed i tagli ai servizi sociali.
Questi fondi, se risparmiati, potrebbero essere diversamente impiegati per il miglioramento dello stato sociale e dell’equilibrio ambientale.
Queste risorse potrebbero essere impiegate nelle politiche sociali, nell’istruzione, nella sanità, nelle infrastrutture, ecc.
La Regione – ci dice Dottorini – deve fare il possibile per evitare questa follia ed esprimersi contro quelle logiche di potere, ponendosi a sostegno di chi crede in un paese più giusto e libero da vincoli bellici.
Quest’ordine del giorno si inserisce nell’ambito di una campagna promossa da Tavola della Pace, rete italiana per il disarmo, Legambiente e altre associazioni operanti nel territorio.



Maria Luisa De Filippo

Inserito domenica 6 maggio 2012


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5045083