22/01/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Lo scoiattolo rosso è in pericolo, aiutiamolo!

Lo scoiattolo rosso è in pericolo, aiutiamolo!
Lo scoiattolo grigio, di origine nord-americana, si sta pericolosamente espandendo dalla zona di Monte Malbe a tutta l'area urbana di Perugia

La minaccia arriva dallo scoiattolo grigio americano, presente anche in Umbria: più “grande e forte” è inserito nell'elenco delle 100 specie aliene più pericolose.
Quali sono gli interventi in atto?

Scoiattolo rosso e scoiattolo grigio: un caso emblematico di come le specie aliene (o alloctone) rappresentino una minaccia per la biodiversità “nostrana”. Lo scoiattolo rosso, autoctono, è specie abbondante in Umbria, presente nei boschi e nei parchi cittadini. È una specie che evoca sensazioni positive e curiosità, ma che purtroppo, nonostante la sua ampia diffusione, è in pericolo.
La minaccia è portata dallo scoiattolo grigio, di origine nord-americana, che si sta pericolosamente espandendo dalla zona di Monte Malbe a tutta l'area urbana e peri-urbana della città di Perugia. Avvistare lo scoiattolo grigio, in alcune aree del capoluogo è ormai divenuto molto semplice, così come è significativo che si trovino anche individui investiti lungo le strade.
Le due specie entrano in forte competizione, che porta la specie autoctona ad esser sostituita da quella alloctona. E si badi bene, non è un semplice cambio di colore! Lo scoiattolo grigio infatti, è in grado di impattare fortemente (e negativamente) sugli equilibri forestali, rappresentando una potenziale minaccia per lo stesso patrimonio boschivo e per le altre componenti delle comunità faunistiche forestali.

Ciò si è accertato in tutte le aree dove la specie alloctona è stata introdotta: in Inghilterra lo scoiattolo rosso sopravvive in poche aree relitte, in Irlanda si sta assistendo allo stesso processo di sostituzione e in Italia, dove sono presenti delle popolazioni al Nord (Piemonte, Lombardia e Liguria) e, appunto, in Umbria.
Per tali motivi lo scoiattolo grigio è stato inserito nell'elenco delle 100 specie aliene più pericolose, da parte dell'Unione Internazionale di Conservazione della Natura (Iucn) e nell'inventario europeo con il Progetto Daisie. La stessa Unione Europea considera il contrasto alle specie aliene, che rappresentano una tra le cinque maggiori cause di perdità di biodiversità, una priorità a livello di politiche conservazionistiche.

Cosa fa l'Italia? Al Nord, dopo vari avvertimenti e l'apertura di un case file da parte dello standing committeee della Convenzione relativa alla conservazione della vita selvatica e dell'ambiente naturale in Europa (Berna, 1979), che invitavano il nostro paese ad adoperarsi con piani di eradicazione/controllo, affinchè lo scoiattolo grigio non varcasse i confini nazionali e si diffondesse in altri stati europei, si è riusciti nel 2011 a dare avvio ad un Progetto Comunitario LIFE+, che prevede, oltre a piani di controllo/eradicazione della specie alloctona, anche un coinvolgimento dell'opinione pubblica e la responsabilizzazione della cittadinanza.

E in Umbria? La situazione appare molto complicata. Le caratteristiche ecologiche della nostra regione appaiono quantomai idonee ad una futura colonizzazione da parte dello scoiattolo grigio, mettendo così a repentaglio la presenza dello scoiattolo rosso sia nella nostra regione che in quelle confinanti. Volgendo lo sguardo nel dettaglio e nel breve periodo: lo scoiattolo rosso rischia di essere ben presto sostituito oltre che nell'area di Monte Malbe (che ricordiamolo è un Sito di Interesse Comunitario, per cui rappresenta certamente un'area naturalisticamente importante e da salvaguardare) anche in parchi urbani dove è storicamente presente e rappresenta un valore emozionale per i cittadini stessi, si pensi all'area verde di Pian di Massiano alle porte di Perugia, alla collina di Lacugnano e al Colle della Trinità.

Ci chiediamo quindi: quali sono le risposte che gli Enti stanno mettendo in atto nella nostra regione per la salvaguradia dello scoiattolo rosso? Si tiene conto di un potenziale rischio sanitario dovuto alla diffusione della specie alloctona, considerando che questa è molto confidente e in grado di vivere a stretto contatto con l'uomo?

È chiaro che siamo in un periodo di ristrettezza economica in cui tutto diviene più complicato, ma non possiamo esser “sordi” ad appelli e richiami europei e l'accesso a fondi comunitari che prevedono buone percentuali di cofinanziamento potrebbe certo rappresentare un'ottima occasione di investimento e di visibilità.

Ci auguriamo che tutti insieme possiamo far sopravvivere lo scoiattolo rosso nella nostra regione!


Associazione Culturale Monti del Tezio
Associazione Ecomuseo del Fiume e della Torre
NaturAvventura
Associazioni Culturali Arnati




Inserito giovedì 11 ottobre 2012


Commenta l'articolo "Lo scoiattolo rosso è in pericolo, aiutiamolo!"

Commenti

Nome: Francesco
Commento: http://genova.ogginotizie.it/159817-scoiattoli-grigi-un-nuovo-piano-per-fermare-lo-sterminio/

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5000114