15/09/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> L'unica marcia da sostenere è quella per la pace e per i diritti

L'unica marcia da sostenere è quella per la pace e per i diritti
La marcia su Roma è una ricorrenza dolorosa per l'Italia perché ha portato solo lutti e violenza

“Italia dei Valori al fianco di Anpi e Cgil per denunciare la celebrazione di un periodo che ha portato solo lutti e violenza”


“Si tratta di una ricorrenza dolorosa che fa tornare alla mente un periodo buio per la democrazia e i diritti civili in Italia. Molti cittadini si sono battuti e alcuni sono morti per difendere l'Italia dal nazi-fascismo e per rivendicare le libertà collettive e individuali. Non è accettabile celebrare la ricorrenza della marcia su Roma e tanto meno organizzare manifestazioni per il ricordo”. Con queste parole Oliviero Dottorini commenta l'iniziativa che sabato 27 ottobre ricorderà a Perugia la marcia su Roma.
“L'unica marcia che la nostra Regione deve sostenere – continua Dottorini – è quella per la pace e per i diritti degli uomini, che quest'anno si svolgerà a Gerusalemme proprio a partire dal 27 ottobre. L'Umbria, patria di Capitini e di San Francesco d'Assisi, non ha nulla a che vedere con chi vuole riportare in auge un periodo storico che preferiremmo non aver dovuto vivere. Come Italia dei Valori – conclude Dottorini – apprezziamo l'appello di Anpi e Cgil contro l'affissione nei muri di Perugia dei manifesti celebrativi della marcia su Roma e saremo al loro fianco al presidio antifascista per dire no a un ritorno di fiamma dei periodi più bui del nostro paese”.



Oliviero Dottorini


Inserito mercoledì 24 ottobre 2012


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4815192