16/12/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> La Regione Umbria non può dare parere favorevole al gasdotto!

La Regione Umbria non può dare parere favorevole al gasdotto!
Già Marche ed Abruzzo si sono espresse contro il mega impianto

In questi giorni ci è stato comunicato che l'assessore all'ambiente  Rometti della regione Umbria, dopo il rinvio della settimana scorsa, il  12 Novembre p.v., si appresta a portare in Giunta una delibera sul gasdotto tratto Sulmona-Foligno, dando parere positivo con alcune prescrizioni.
Questa posizione, a nostro avviso molto grave e molto pericolosa, rischia di vanificare tutto il lavoro ed i risultati sino ad ora ottenuti.
La Regione Umbria per il tratto Sulmona Foligno aveva espresso con determina dirigenziale n.3793 del 06.05.2005 un parere interlocutorio con cui, in relazione ad alcune criticità riscontrate, si evidenziava " la necessità di procedere agli approfondimenti della sede nazionale di espressione di giudizio di compatibilità ambientale".
Un parere definitivo della Regione Umbria poi per questo tratto non c'è mai stato
Pare intendano affermare, a sostegno di questo indirizzo di voto, che anche le Regioni Marche ed Abruzzo hanno dato parere positivo:  a noi risulta la posizione della Regione Marche che  con decreto dirigenziale n. 76/VAA_8 del 25 luglio 2008, ha dato parere positivo fortemente condizionato, mentre  con   mozione n. 200 del 18 settembre 2007 il consiglio regionale aveva dato all'unanimità parere negativo sull'opera chiedendo di rivederne il tracciato.
Una ulteriore Mozione è stata votata dal Consiglio Regionale delle Marche il 17 Luglio 2012 per impegnare la Giunta a richiedere lo spostamento del tracciato, negare l'intesa alla conferenza Stato Regioni e ad attivarsi per predisporre un testo di legge per tutelare le aree a rischio sismico e ad alto pregio ambientale contro la realizzazione di queste opere.
In Abruzzo  ad ora non risulta che a livello di V.I.A. regionale  sia stato dato parere favorevole definitivo.
Sempre in Abruzzo restano poi le due risoluzioni negative al passaggio del gasdotto  e la Legge Regionale contro la realizzazione di gasdotti in territori sismici che, seppur impugnata, sino a pronunciamento della Corte Costituzionale resta in vigore.
La scorsa settimana c'è stato poi il pronunciamento anche del Comune di Foligno che ha espresso una forte contrarietà al passaggio di questa opera nel suo territorio.
E' indispensabile ed urgente un  intervento di tutti noi cittadini ed associazioni affinché non ci sia quel voto di giunta come prospettato: sarebbe un vantaggio colossale per la Snam!

 <comitatonotubo@gmail.com>



Comitato NoTubo

Inserito mercoledì 7 novembre 2012


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4950872