20/01/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Umbria tradizioni in cammino

Umbria tradizioni in cammino
Dal 24 novembre al 2 dicembre, mostre, concerti, approfondimenti, seminari, lezioni concerto intorno alle tradizioni orali in Valnerina e nel territorio regionale. Il programma


Sonidumbra-Cedrav-Bim

UMBRIA TRADIZIONI IN CAMMINO
Perugia- Cerp Centro Espositivo Rocca Paolina
24 Novembre-2 Dicembre

MOSTRE-CONCERTI-APPROFONDIMENTI-SEMINARI-STAGE-LEZIONICONCERTO INTORNO ALLE TRADIZIONI ORALI IN VALNERINA E NEL TERRITORIO REGIONALE
...
Umbria Tradizione in Cammino è il progetto di valorizzazione delle tradizioni orali del Cedrav (Centro per la Documentazione e Ricerca Antropologica in Valnerina e dorsale appenninica umbra) e Associazione Sonidumbra, un’idea di intervento sui temi specifici della tradizione, un modello di valorizzazione che coniuga approfondimento–spettacolo-cultura permanente del territorio.
Grazie al sostegno economico del Bim (Consorzio Bacino Imbrifero Montano Nera e Velino) il Centro Espositivo Rocca Paolina della Provincia di Perugia ospiterà una serie di iniziative dedicate alle culture orali della Valnerina in particolare e più in generale dell’Umbria con mostre etnografiche, fotografiche, seminari, stage pratici (tamburello, danze tradizionali umbre, saltarello) concerti, rassegne di gruppi spontanei della tradizione, lezioni concerto per le scuole, tavole rotonde, mostre mercato di strumenti della tradizione e dell’editoria umbra.
Il simbolico “treno delle tradizioni” (con informatori, cantori, gruppi, istituzioni, mondo accademico come tanti specifici “vagoni”) farà tappa in diverse STAZIONI:

Saltarello: E’ lo spazio per vivere in prima persona l’universo del saltarello cantato, ballato, suonato.
• “Ecco Maggio…”: Luogo per conoscere il ciclo festivo del Maggio in Umbria.
Riflessioni : luoghi dove fermarsi per approfondire temi specifici con tavole rotonde-concerti eventi, presentazioni libri
Sega la vecchia: La rappresentazione di teatro popolare più importante in Umbria
Mostra Mercato: Liutai, costruttori di strumenti musicali tradizionali come tamburelli, organetti, chitarre, zampogne, percussioni, insieme ad editori umbri che espongono pubblicazioni tematiche inerenti le tradizioni del territorio.
Umbria Tradizioni in Cammino: mostre e videoproiezioni sugli itinerari dei saperi tradizionali in Valnerina.

All’interno delle stazioni saranno dislocate le seguenti mostre:
- “Itinerari dei saperi tradizionali
- Strumenti musicali della tradizione umbra
- Ceri, fuochi alberi di Maggio (gruppo Ztl Assisi)
- Voci e volti della memoria
- Sega la vecchia (Dipartimento Uomo e Territorio Università di Perugia)
- Simboli e segni dell’oralità contemporanea. Un viaggio nella musica tradizionale italiana (Voxteca Università per Stranieri di Perugia)

PROGRAMMA
Il programma degli eventi è diviso in tre sezioni

SUONI E PAROLE
Incontri, tavole rotonde, a metà tra approfondimento teorico e “spettacolo” musicale con la partecipazione di ricercatori insieme agli informatori tradizionali e gruppi di ripresa.
LE OFFICINE DELLA TRADIZIONE
Occasioni per entrare nel mondo tradizionale da protagonisti con STAGES PRATICI aperti a tutti.
TRADIZIONI IN SCENA
Sezione dedicata alla riproposta con concerti, eventi che partendo dall’utilizzo degli elementi tradizionali tendono ad un ascolto moderno e “spettacolare”.

SABATO 24 NOVEMBRE

Ore 17.30 Inaugurazione
Presentazione manifestazione Umbria Tradizioni in Cammino
Intervengono:
Donatella Porzi (Assessore alla Cultura e Politiche Sociali Provincia di Perugia)
Pietro Bellini (Presidente Cedrav)
Fulvio Porena (Direttore Cedrav)
Egildo Spada (presidente Bim)
Giancarlo Baronti (Direttore Dipartimento Uomo & Territorio e direttore scuola di specializzazione in Beni demoetnoantropologici Università degli Studi di Perugia)
Antonio Batinti (Dipartimento Scienze del Linguaggio, Università per Stranieri di Perugia)
Marco Baccarelli (Associazione Sonidumbra)

ore 18.30 TRADIZIONI IN SCENA
Concerto “E BALLO SIA”
SONIDUMBRA

DOMENICA 25 NOVEMBRE

ore 10.00 SUONI E PAROLE
Presentazione del libro Le storie dei Cantastorie
di Luigi Gambacurta
Esempi dal vivo a cura di Sabrina Gambacurta (voce) e di Tiziano Fischi (fisarmonica).

ore 10. 45 SUONI E PAROLE
LIUTAI E COSTRUTTORI PROTAGONISTI
Strumenti della tradizione popolare del piceno. chitarra battente, tamburello, flauto di corteccia, flauto di sambuco, lu rebbecò (bassetto popolare).
Recupero, ricostruzione e uso a cura di Pierfilippo Melchiorre

ore 11.30 SUONI E PAROLE
SEGA LA VECCHIA
Incontro con gli autori del libro Séga seghin’ segamo... Studi e ricerche su “Sega la vecchia” in Umbria
A cura di
Giancarlo Baronti (Università di Perugia)
Giancarlo Palombini (Università di Perugia)
Daniele Parbuono (Università di Perugia)
Rappresentazione del “SEGA LA VECCHIA”
Gruppo spontaneo di Cerqueto (Pg)

-------------------

Dalle ore 15.30 TRADIZIONI IN SCENA
FESTA UMBRA
Protagonisti della tradizione

15.30 Festa a ballo
Il folk danzato in Umbria
Gruppo folk Spoletino (Spoleto)
La Frullana (Pietralunga)
Agilla e Trasimeno (Castiglion del Lago)

17.30 Cantare la festa
Repertori rituali e di festa dei gruppi di ripresa del territorio
Maggiaioli di Valfabbrica,
Antichi sapori (Gualdo Tadino),
Cantori di Valtopina,
Ricordi e canti (Foligno),
Gruppo Passione in dialetto (Civitella D’Arna)
Gruppi spontanei

Con:
Benito Ripoli presidente FITP (Federazione Italiana Tradizioni Popolari)
Andrea Tondolo presidente FAFIT (Federazione Associazioni Folkloriche Italiane)
Giancarlo Baronti (Università di Perugia)
Giancarlo Palombini (Università di Perugia)
Daniele Parbuono (Università di Perugia)
Marco Baccarelli ( Umbria Tradizioni in Cammino)

MARTEDI 27-MERCOLEDI 28-GIOVEDI 29

Dalle 16.00-19.30: apertura mostre per il pubblico

VENERDI 30 NOVEMBRE

Dalle ore 10.00 SUONI E PAROLE
Gli zampognari in cattedra
La Vecchiarella e Lu Suffiu : gli “Halloween” della Valnerina
Lezione-concerto per le scuole
A cura di Marco Baccarelli, Massimiliano Dragoni

Ore 15.30 SUONI E PAROLE
Approfondimenti dedicati alle sezioni della Libera Università Popolare e UNITRE dell’Umbria.

Ore 16.30 SUONI E PAROLE
I “POETI” DELLA TRADIZIONE
Il canto in ottava rima nel territorio della Valnerina.
Concerto-tavola rotonda sul tema dell’ottava rima e brevi presentazioni di pubblicazioni tematiche curate dal CEDRAV, VOXTECA ed altri autori.
Intervengono:
Fulvio Porena (direttore CEDRAV)
Agostino Lucidi (CEDRAV)
Egildo Spada (direttore BIM)
Antonio Batinti (Voxteca - Università per Stranieri di Perugia)
Antonello Lamanna (Voxteca - Università per Stranieri di Perugia)
Agnese Benedetti (ricercatrice)
A seguire
Proiezione frammenti tratti dal documentario “Dall’ottava rima al rap.
Usi e funzioni dei dialetti in Umbria” (Radar Edizioni) di Antonio Batinti Antonello Lamanna
(Voxteca - Dipartimento di Scienze del Linguaggio – Università per Stranieri di Perugia)

Con la partecipazione dei cantori: Riziero Flammini Giampiero Giamogante, Donato De Acutis,

ore 18.00 TRADIZIONI IN SCENA
Gruppo musicale I CANTORI DELLA VALNERINA


SABATO 1 DICEMBRE

Dalle ore 10.00 SUONI E PAROLE
Gli zampognari in cattedra
La Vecchiarella e Lu Suffiu : gli “Halloween” della Valnerina
Lezione-concerto per le scuole
A cura di Marco Baccarelli, Massimiliano Dragoni

Dalle ore 15.30 SUONI E PAROLE
L’ALBA DEL SALTARELLO
Suonatori, cantori, ballerini di saltarello
Stili esecutivi del saltarello suonato e cantato
Andrea Delle Monache, Marco Cignitti ( Lazio )
Marco Baccarelli ( Umbria)
Marco Meo ( Marche )

A seguire L’OFFICINA DEL SALTARELLO
Kermesse libera di suonatori, cantori, danzatori di saltarello aperta a TUTTI
Biglietti omaggio per l’estrazione di 3 tamburelli tra tutti i partecipanti (ballo-canto-danza)

ore 15.30-18.30 STAGE PRATICO DANZE
SALTARELLI E MANFRINE della TRADIZIONE UMBRA
Stage pratico a cura di Giuseppe Gala e Tiziana Miniati
(Ass.Taranta-consulta scientifica FITP) prenotazione obbligatoria

15.30-18.30 STAGE PRATICO di TAMBURELLO
QUEL COSO TONDO DI CARTA PERGAMENA
A cura di Massimiliano Dragoni prenotazione obbligatoria

ore 18.00 TRADIZIONI IN SCENA
Gruppo musicale ARMONIA e TRADIZIONE

ore 18.30 TRADIZIONI IN SCENA
TUTTE LE STRADE CANTANO: Concerto della NUOVA BRIGATA PRETOLANA

DOMENICA 2 DICEMBRE


10.00-13.00 STAGE PRATICO DANZE
SALTARELLI E MANFRINE della TRADIZIONE UMBRA
a cura di Giuseppe Gala e Tiziana Miniati
(Ass.Taranta-consulta scientifica FITP)

10.00-11.00 STAGE PRATICO di TAMBURELLO
QUEL COSO TONDO DI CARTA PERGAMENA
A cura di Massimiliano Dragoni

ore 10.00 SUONI E PAROLE
LIUTAI E COSTRUTTORI PROTAGONISTI
La zampogna: costruzione, repertori
A cura di Marco Cignitti

ore 11.00 SUONI E PAROLE
EDITORI E UMBRIA TRADIZIONI IN CAMMINO
Presentazione del libro “La pomata di Checcaccio”
Di Massimiliano Dragoni Ed. Era Nuova
Spettacolo-presentazione a cura di M.Dragoni, G. Celli, E.Tonelli (Associazione RITMI) con Paolo Lombardi (EDIZIONI ERA NUOVA)

ore 15.30 TRADIZIONI IN SCENA
Gli zampognari di Sonidumbra
Musiche tradizionali natalizie

ore 16.30 SUONI E PAROLE
Presentazione di NATALE TRA riti e TRA-dizioni 2012
Agostino Lucidi (CEDRAV)
Marco Baccarelli (Sonidumbra)
Glenda Giampaoli (direttore Museo della Canapa)

ore 18.00 TRADIZIONI IN SCENA
“Suoni di canne”
A cura di Goffredo degli Esposti

ore 18.30 TRADIZIONI IN SCENA
Canto di Natale
Concerto di SONIDUMBRA

Tutti gli incontri sono gratuiti tranne i corsi pratici dove serve anche la prenotazione.


MOSTRE

• Itinerari dei saperi tradizionali
Pannelli fotografici e proiezione di piccoli filmati che illustrano l’attività di UMBRIA TRADIZIONI IN CAMMINO il progetto dell’Associazione Sonidumbra in collaborazione con il CEDRAV (Centro di Documentazione e Ricerca Antropologica in Valnerina e Dorsale appenninica umbra).
Sono immagini tratte dagli eventi di approfondimento-spettacolo realizzati nel territorio umbro intorno a particolari temi della tradizione orale: TRADIZIONI Di MAGGIO a Preci, Natale TRA riti e TRAdizioni, (Valnerina); PASSIONI (Umbria); LA VIA DEL SALTARELLO, (Valnerina); Ricantamaggio,(Terni); Valnerina Tradizioni Vive (Terni).

• Strumenti musicali della tradizione umbra
Organetti, fisarmoniche, triangoli, tamburelli, strumenti a corde, traccole, piattini, gnacchere, putipù, strumenti effimeri, foto, musiche, pannelli fotografici. Una esauriente mostra organologica per esplorare il mondo delle culture orali con i suoi particolari strumenti musicali, con la possibilità di ascoltare registrazioni degli informatori del territorio.
A cura di Associazione Sonidumbra.

• Voci e volti della memoria
Pannelli fotografici relativi alla Campagna di registrazione effettuata da Diego Carpitella e Tullio Seppilli (Istituto di Etnologia e Antropologia culturale dell’Università degli studi di Perugia in collaborazione con la RAI Radiotelevisione Italiana)nel 1958. Le foto scattate da ANDO GILARDI riprendono i cantori i di Polino, S.Lucia di Stroncone, Vallecupa di Arrone della raccolta 37 degli Archivi di Etnomusicologia Accademia Nazionale di S.Cecilia.
Realizzati dalla Provincia di Terni, sono in dotazione al Centro per la Documentazione e Ricerca Antropologica della Valnerina (CEDRAV) nella sede di Cerreto di Spoleto.

• Ceri fuochi alberi di Maggio
I riti della primavera
Fotografie che ritraggono i rituali della primavera e del Maggio. Un prezioso reportage dei rituali ancora oggi praticati in Umbria: dal Piantamaggio della Val Castoriana al Cantamaggio tradizionale nelle campagne dell’assisano, dai Ceri di Gubbio ai fuochi delle intusse di Itieli.
A cura del Gruppo ZTL Assisi.

• "Simboli e segni dell’oralità contemporanea. Un viaggio nella musica tradizionale italiana"
Una accurata documentazione sulla situazione attuale del mondo popolare italiano nella documentazione fotografica di Antonello Lamanna . Si tratta di un corpus fotografico legato alle numerose campagne di documentazione etnografica effettuate per il Progetto Voxteca tra il 2001 e il 2006 sul tarantismo salentino contemporaneo e la pizzica, sui danzatori di coltelli di Torrepaduli, sui balli e i canti sul tamburo dei pellegrinaggi campani, sulle tammurriate, le tarantelle, le maschere sarde, i balli e le feste popolari umbre. Una versione ridotta dell’intera mostra "Balli, danze e magie del Sud Italia"
Voxteca, Archivio della voce del Dipartimento di Scienze del Linguaggio dell'Università per Stranieri di Perugia

• Sega la vecchia
La presenza di una ricca e articolata documentazione negli archivi della sezione antropologica del Dipartimento Uomo e Territorio intorno alla rappresentazione teatrale itinerante del Sega la vecchia, uno dei fenomeni più rilevanti, complessi, dinamici e profondi, in cui si dispiega, il ricco humus culturale delle classi subalterne rurali nella nostra regione, è il motivo per il quale è stata realizzata per l’occasione, questa “stazione”. Nell’intero spazio dedicato alla rappresentazione popolare sono allestite:
- Una mostra di di 38 fotografie eseguite da Urbano Medici, fotografo perugino, nella notte del 13 marzo 1958, a Casamanza, Perugia.
- Una postazione per la proiezione dei video: “Quaresima in Umbria” di Michele Gandin (1959) e “Sega la vecchia di Ramazzano” di Roberto Ruggieri (1973).
- Costumi di scena della collezione privata di Pietro Nofrini, San Martino in Colle, Perugia.


SUONI E PAROLE

Sezione dedicata agli approfondimenti tematici attraverso presentazioni di libri, incontri, tavole rotonde, dove interagiscono professori Universitari con cantori della tradizione, musicisti professionisti, semplici appassionati. Un vero e proprio “format” pensato per coniugare l’approfondimento con la parte dimostrativa delle manifestazioni orali che, decontestualizzate dalla loro funzione, diventano spettacolo.

• FESTA UMBRA
Chi sono i protagonisti delle feste tradizionali ? Quali sono le formazioni attive nel territorio umbro? Sono gruppi spontanei o organizzati? Quali trasformazioni hanno subito nella contemporaneità? Quali funzioni oggi? Dove operano?
Un percorso dove è possibile fare la conoscenza, osservare, ascoltare i principali gruppi folk e le formazioni spontanee che operano nel territorio umbro per le Pasquarelle, i Maggi, le Passioni.
Festa a ballo Il folk danzato in Umbria con rappresentanti dei gruppi:
Gruppo folk Spoletino (Spoleto)
La Frullana (Pietralunga)
Agilla e Trasimeno (Castiglion del lago)
Cantare la festa Repertori rituali e di festa dei gruppi di ripresa del territorio:
Maggiaioli di Valfabbrica,
Antichi sapori (Gualdo Tadino),
Cantori di Valtopina,
Ricordi e canti (Foligno),
Gruppo Passione in dialetto (Civitella D’Arna)
Con:
Benito Ripoli presidente FITP (Federazione italiana Tradizioni Popolari)
Andrea Tondolo presidente FAFIT (federazione Associazioni Folcloriche Italiane)
Giancarlo Baronti (Università di Perugia)
Giancarlo Palombini (Università di Perugia)
Daniele Parbuono (Università di Perugia)
Marco Baccarelli ( Umbria Tradizioni in Cammino)

• SEGA LA VECCHIA
Incontro con gli autori del libro Séga seghin’ segamo... Studi e ricerche su “Sega la vecchia” in Umbria
A cura di
Giancarlo Baronti (Università di Perugia)
Giancarlo Palombini (Università di Perugia)
Daniele Parbuono (Università di Perugia)
La presentazione del volume sul rito di mezza quaresima servirà ad introdurre la vera e propria rappresentazione teatrale del SEGA LA VECCHIA che per l’occasione verrà messa in scena dal gruppo spontaneo di Cerqueto (Pg).

• Presentazione del libro “ I CANTI DEI CANTASTORIE”
Di Luigi Gambacurta
Una raccolta delle più belle e più conosciute ballate, storie da foglio volante raccolte dal prof. Gambacurta nella campagna di registrazione da lui effettuata nel territorio dell’Umbria centrale negli ultimi dieci anni. Un prezioso documento con allegati due CD con le registrazioni originali degli informatori. La presentazione del libro sarà impreziosita da esempi musicali dal vivo grazie alla partecipazione di Sabrina Gambacurta (voce) e di Tiziano Fischi (fisarmonica).

• Presentazione musicata del libro “LA POMATA DI CHECCACCIO”
Di Massimiliano Dragoni con
Paolo Lombardi (Edizioni ERA NUOVA) Massimiliano Dragoni, Daniele Celli, Elisa Tonelli (Associazione RITMI), Marco Baccarelli (Associazione Sonidumbra).

• GLI ZAMPOGNARI IN CATTEDRA
Lezione-concerto per le scuole, tenuta da musicisti-ricercatori-insegnanti, per approfondire l’aspetto della tradizione che si lega alle festività natalizie. Partendo dagli strumenti utilizzati a Natale (zampogne) si ripercorre lo sviluppo dell’oralità e delle tradizioni della nostra regione come il saltarello e le stesse pasquarelle
Un percorso per RI-conoscere le pasquarelle in prospettiva storica con una lezione concerto divertente-interessante che mette a confronto anche le nuove tradizioni come Halloween, che ha molte affinita’ con le stesse e con le espressioni tradizionali ancor vive oggi nel territorio legate al mondo dell’infanzia come la Vecchiarella di Scheggino e lu suffio di Avendita.
Alla lezione concerto nella sala conferenze seguirà il percorso itinerante guidato nello spazio espositivo del CERP dove verranno visionati filmati e verranno approfondite le intere mostre allestite.

• INCONTRO CON LA LIBERA UNIVERSITA’ POPOLARE E UNITRE
Una lezione-concerto sulle tradizioni orali umbre offerta agli iscritti della Libera Università Popolare Umbra e UNITRE.
Alla lezione concerto nella sala conferenze seguirà il percorso itinerante guidato nello spazio espositivo del CERP dove verranno visionati filmati e verranno approfondite le intere mostre allestite.
Con Agostino Lucidi (CEDRAV), Marco Baccarelli e Massimiliano Dragoni (Sonidumbra)

• I “POETI” DELLA TRADIZIONE
Il canto in ottava rima nel territorio della Valnerina.
Concerto-tavola rotonda sul tema dell’ottava rima e presentazione di pubblicazioni tematiche a cura del CEDRAV, VOXTECA.
Nell’incontro verrà esplorato il mondo dei “poeti tradizionali”, cantori capaci di improvvisare nel metro dell’ottava rima depositari della tecnica poetica impiegata tra gli altri nei poemi cavallereschi del Tasso e dell’Ariosto. Le presentazioni delle pubblicazioni sul tema realizzate dal CEDRAV e da autori del territorio, verranno intervallate dalle esecuzioni estemporanee di cantori che daranno prova della loro incredibile abilità poetica. Il Dipartimento di Scienze del linguaggio dell’Università per Stranieri di Perugia curerà l’approfondimento sull’ottava rima nella sua specificità linguistica con la proiezione di Dialetto e poesia popolare”, frammenti tratti dal documentario “Dall’ottava rima al rap. Usi e funzioni dei dialetti in Umbria” (Radar Edizioni) .
Intervengono
Fulvio Porena (direttore CEDRAV)
Egildo Spada (direttore BIM)
Antonio Batinti (Voxteca - Università per Stranieri di Perugia)
Antonello Lamanna (Voxteca - Università per Stranieri di Perugia )
Agnese Benedetti
Con la partecipazione dei cantori:: Riziero .Flammini,Giampiero Giamogante, Donato De Acutis,

• PRESENTAZIONE di NATALE TRA riti e TRA-dizioni 2012
Gli zampognari di Sonidumbra apriranno la presentazione dell’itinerario natalizio di Umbria Tradizioni in Cammino: NATALE TRA riti e TRA-dizioni è il cartellone dove sono riportati i rituali e le tradizioni ancora vive all’interno del territorio dove opera il CEDRAV nel periodo compreso fra S.Nicola(6Dicembre) e Sant’Antonio (17 Gennaio). Accanto alle tradizioni ininterrotte e doverose di essere valorizzate, sono presenti anche nuove iniziative che si legano alle tradizioni come le attività al museo della Canapa di Sant’Anatolia di Narco (Le calze della Vecchierella), la sonata dei diritti umani ad Arrone, e per la prima volta la rappresentazione scenica di Natale TRA riti e TRA dizioni, una rappresentazione che si svilupperà in un percorso a tappe per il paese di Torreorsina (Tr). L’azione scenica (a cura di M. Revoyera e M.Baccarelli) sarà un ampliamento della “classica” rappresentazione della natività comprendendo infatti anche tutti quei rituali che si svolgono in un arco temporale più ampio ( da San Nicola a Sant’Antonio), passando per le vecchierelle, pasquarelle , suffi, foconi e via dicendo. Un modo originale per conoscere “vivendo di persona” quei rituali presenti nel nostro cartellone assaporando contestualmente anche i cibi “della festa” come il farro di san Nicola, il pane di San sabino, le ciambelline di S.Lucia, le ciambelle di S.Antonio ecc . A tutti i bambini presenti alla rappresentazione, San Nicola distribuirà dei regali.
Con
Marco Baccarelli (Sonidumbra)
Agostino Lucidi (CEDRAV)
Glenda Giampaoli (direttore museo della canapa)

• LIUTAI E COSTRUTTORI PROTAGONISTI
Strumenti tradizionali del piceno
Un appuntamento per fare la conoscenza, attraverso esempi dal vivo, con una serie di strumenti musicali della tradizione del centro Italia come la Chitarra battente, il tamburello, il flauto di corteccia, il flauto di san buco, lu rebbecò ( il bassetto popolare) utilizzati nel territorio del piceno. Dopo un lungo lavoro di ricerca e ricostruzione, Pierfilippo Melchiorre, musicista, liutaio ricercatore ha riportato in funzione strumenti musicali caduti dall’uso.
Recupero, ricostruzione e uso a cura di Pierfilippo Melchiorre

• LIUTAI E COSTRUTTORI PROTAGONISTI
La zampogna: costruzione, repertori
Lo strumento che caratterizza il Natale nel nostro territorio sarà descritto, approfondito, studiato attraverso esempi musicali dal vivo. Le classiche novene degli zampognari del centro sud, che percorrono ancora oggi la regione nel periodo natalizio, hanno fatto dimenticare l’utilizzo dello strumento anche per il ballo, per accompagnare rituali e feste nei territori di provenienza. Nell’approfondimento proposto verranno trattati i repertori più importanti dello strumento che verrà analizzato anche nelle sue specificità costruttive e di intonazione.
A cura di Marco Cignitti


LE OFFICINE DELLA TRADIZIONE

Le Officine sono considerate da sempre i luoghi dove gli “anziani” mettono a disposizione i loro saperi (tecnici o culturali) per i giovani “apprendisti” che guardando, osservando e rubando con gli occhi o con le orecchie, provano e riprovano fino all’acquisizione delle competenze e delle abilità.
Questa generale tecnica di trasmissione dei saperi, è alla base delle OFFICINE DELLA TRADIZIONE, spazi aperti a tutti dove è possibile scoprire, approfondire, rispolverare, utilizzare, comprendere, provare, manipolare gli strumenti utilizzati dalla cultura del territorio per fare festa, confrontarsi, comunicare, integrarsi, socializzare nella vita comunitaria

IL SALTARELLO E LE MANFRINE DELL’ITALIA CENTRALE
a cura di Giuseppe Michele Gala e Tiziana Miniati (Ass. Cult. Taranta di Firenze)

Una possibilità per conoscere, praticare, riprendere in uso le danze tradizionali del territorio umbro.
Negli anni ’80 e’ stata fatta una ricerca sul campo in molte zone della nostra regione con l’obiettivo di fissare, documentare il patrimonio etnocoreologico rimasto solo nella memoria e nei ricordi di pochi anziani. Il lavoro di Giuseppe Gala (commissione scientifica della Federazione Nazionale Tradizioni Popolari-Università di Sassari), rappresenta la più profonda ed esaustiva documentazione sui balli tradizionali umbri ormai scomparsi; utile per chi vuole approfondire la pratica delle danze tradizionali con un supporto scientifico (filmati, resoconti) di grande spessore.
Ai partecipanti dello stage che avrà la durata di 6 ore, verrà rilasciato un attestato di partecipazione da parte dell’associazione TARANTA di Firenze.
Lezione teorica: h 2.00 “La tradizione etnocoreutica in Umbria: tipologie, diffusione e stato di conservazione”
Lezione pratica: h 4.00 : Il saltarello e le manfrine dell’Italia centrale
Sabato 1 Dicembre dalle ore 15,30 alle ore 18.30
Domenica 2 dicembre dalle ore 10.00 alle ore 13.00
Quota di partecipazione € 10,00. Prenotazione obbligatoria entro il 15 Novembre
(cell 347.6683580)

• QUEL COSO TONDO DI CARTA PERGAMENA
Costruzione e tecniche esecutive del tamburello
Incontro pedagogico e pratico inerente la storia, la prassi esecutiva e l’estetica, del tamburo a cornice. L’analisi si concentrerà sull’area mediterranea, sulla penisola italiana, ed in particolare sul centro Italia - Umbria e Marche. Dalla storia alla costruzione, dalla musica antica a quella tradizionale, corso pratico aperto a tutti (anche principianti) dove è possibile visionare filmati, fotografie.
A cura di Massimiliano Dragoni
Ai partecipanti dello stage che avrà la durata di 4 ore, verrà rilasciato un attestato di partecipazione
Sabato 1 Dicembre dalle ore 15,30 alle ore 18.30
Domenica 2 dicembre dalle ore 10.00 alle ore 11.00

Quota di partecipazione € 10,00. Prenotazione obbligatoria entro il 15 Novembre
(cell 348.7228684)

TRADIZIONI IN SCENA

Spazio dedicato agli eventi spettacolari: concerti, spettacoli teatrali.
La conoscenza delle dinamiche tradizionali passa attraverso la rielaborazione dei temi e dei contenuti delle stesse tradizioni che, decontestualizzate rispetto a luoghi, tempi e funzioni, diventano nel momento della ri-proposta “spettacolo”. I concerti di “musiche e repertori” appartenenti alla cultura orale del territorio vanno di pari passo con le nuove riproposte moderne interessate alle musiche etniche; in queste performance gli apporti creativi dei musicisti-attori devono necessariamente avere un equilibrio con le prassi esecutive, le tecniche strumentali, gli stili appartenenti alla tradizione.

• CONCERTO “E BALLO SIA” di SONIDUMBRA
Storie, Canti del mondo popolare umbro in un originale viaggio sonoro, vivace e coinvolgente. Storie raccolte dagli ultimi depositari della cultura orale regionale, stornelli, in una riproposta moderna che ha saputo mantenere lo spirito, le vocalità, le prassi esecutive tradizionali.
Uno straordinario mix di voci, suoni, memorie, sapori antichi.
Sonidumbra
Barbara Bucci voce, percussioni
Marco Baccarelli organetti,fisarmonica
Gabriele Russo violino, chitarra battente
Luca Piccioni chitarra, mandolino,
Franz Albert Mayer contrabbasso
Massimiliano Dragoni percussioni

• CONCERTO “CANTO DI NATALE” di SONIDUMBRA
MUSICHE NATALIZIE TRADIZIONALI ED ANTICHE ”
Lo spettacolo propone una interessante e originale scelta di musiche e canti incentrati sul periodo della Natività, a partire dal Medioevo fino alle culture tradizionali attuali eseguiti con gli strumenti delle diverse tradizioni popolari del nostro paese.
Barbara Bucci : voce, baghet
Marco Baccarelli organetto, fisarmonica , cornamusa, zampogna a chiave
Gabriele Russo violino, lira calabrese, nichelarpa, ciaramella, viella
Luca Piccioni chitarra, chitarra battente, liuto
Goffredo degli Esposti zampogna moderna, surdellina, zampogna a paro,launeddas

• CONCERTO della NUOVA BRIGATA PRETOLANA
TUTTE LE STRADE CANTANO
Canti, suoni e parole del fiume, della torre, della nostra terra
I canti della NUOVA BRIGATA sono in parte locali, in parte della tradizione umbra e in parte della tradizione orale nazionale giunti anche a Pretola e nelle campagne limitrofe col tempo, attraverso le tipiche vie della trasmissione orale: i cantastorie con i loro fogli volanti, le emigrazioni, le guerre, la vita militare, i lavori stagionale e così via. Il significato e la forza intrinseca di questi canti (vita dura, sofferenze, lotte, emigrazioni, lavoro e fatica) sono al centro di queste narrazioni.
A cura di Associazione dell’Ecomuseo del Fiume e della Torre, Pretola (PG)
Claudio Alunno (percussioni e voce),
Giorgio Alunno (percussioni e voce),
Francesco Becchetti (voce),
Francesco Ciofetti (percussioni varie),
Ivan Manfroni (chitarra e voce),
Diego Mencaroni (voce e cembalino),
Paolo Mencaroni (percussioni e voce)
Marco Moretti (voce e percussioni).
I narratori sono: Lorena Alunni Breccolenti, Daniele Crotti
Le proiezioni video sono di: Alberto Bruni, Claudio Giacometti

• CONCERTO ARMONIA E TRADIZIONE
Il Gruppo Vocale Armonia e Tradizione riscopre le tradizioni musicali del loro passato attraverso la ricerca e l’esecuzione di canti e melodie che hanno caratterizzato la vita popolare contadina e artigiana del diciannovesimo e del ventesimo secolo. Nasce dall’esperienza di alcune persone di Montegrillo, sotto la guida del Prof. Natale Agostini e la direzione di Franco Radicchia.
I brani di questo ideale viaggio nella vita popolare umbra raccontano con spontaneità e freschezza un mondo che privilegia valori socio-culturali legati alla famiglia, al lavoro e all’amicizia esprimendo lo spirito che caratterizza l’indole mite e spesso introversa del carattere umbro.
Interverrà il poeta Nello Cicuti.

Cicillo Lupari mandolino
Filippo Temperini fisarmonica
Alberto Tabacchioni chitarra
Gianfranco Conti chitarra basso
Marcello Ramadori percussioni
Franco Radicchia direttore

• CONCERTO CANTORI DELLA VALNERINA

“ SE VI FAREMO RIVIVERE UN SOLO MOMENTO DEL VOSTRO PASSATO, AVREMMO RAGGIUNTO IL NOSTRO SCOPO.”
Con questo motto il gruppo di tradizioni popolari denominato “ I Cantori della Valnerina” cercano di riportare con la loro riproposizione molto fedele, la cultura e la tradizione del passato attraverso quelle storie di vita vissuta raccontate in Valnerina con sonetti, stornellate, proverbi, detti, poesie, e cantastorie. Il gruppo è molto attivo nella Valnerina ternana nei canti rituali itineranti della Pasquella e della Passione.


----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Progetto-testi-direzione: Marco Baccarelli
coordinamento : SONIDUMBRA
Allestimenti grafica: Nugae S.A.S

Info e prenotazioni
www.sonidumbra.it
www.umbriatradizioni.it
info@sonidumbra.it

cell. +39 347 6683580

Provincia di Perugia
Servizio Promozione Culturale e Sociale di Area Vasta
Ufficio Promozione Cultura e Spettacolo
Piazza Italia, 11
06100 Perugia
tel. 075 3681218 405
cultura@provincia.perugia.it
www.provincia.perugia.it

Tutti gli incontri sono gratuiti tranne i corsi pratici dove serve anche la prenotazione.
Informazioni: 347 6683580
 




Inserito sabato 17 novembre 2012


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4998255