16/01/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Quarantotto mucche in viaggio

Quarantotto mucche in viaggio
Le mucche della pace: il sogno di far rivivere Srebrenica. Giovedi 22 novembre al Cinema Sant'Angelo

Carissimi tutti, spett.le Tramontana,
è mia premura invitarvi a pubblicizzare in pieno l'iniziativa che vede tutti noi, gli "Amici di Dino Frisullo" in primis, sensibilizzatori dell'evento che vuole diffondere e partecipare questa bella inziativa di solidarietà tra Italia e Bosnia, tra Trentino con l'Altopiano di Asiago ed una realtà per certi versi simile, ma assai povera e ancora vittima di quanto alcuni decenni fa tragicamente successe in quell'area, in particolare Srebrenica e ill sua altopiano bosniaco. Gianni Rigoni Stern, che già lo abbiamo invitato qui a Perugia per parlarci della figura del padre Mario, "Il sergente 'maggiore' nella neve", il 22 novembre, giovedì, sarà nostro ospite per parlarci del suo impegno di solidarietà con quei paesi.
Il trafiletto qui sotto è parte di quanto scrisse Carlo Petrini sul "la repubblica" del 31 gennaio al riguardo.

LE MUCCHE DELLA PACE

 

Nella comunità montana di Sucéska, in Bosnia Erzegovina, tutto era stato distrutto nel 1995 dalle “tigri di Arkan”. Soltanto nel 2000 qualcuno è tornato a viverci: per premiare il loro coraggio nasce “La transumanza della pace”

 

A seguire il bell'articolo della regista, fotografa e artista Roberta Biagiarelli che con Gianni ha filmato in un suggestivo e delicato documentario qull'esperienza che data da ormai 4 anni e non è ancora finita. Il nostro contributo potrà aiutare la sua realizzazione ancora in corso. L'articolo fu pubblicato su un numero di quest'anno (credo febbraio o marzo) di E-il mensile, la importantissima rivista mensile di Emerercengy.

 

      STORIE DALL'ALTOPIANO

 

Le manze sono trentine, l’ostinazione pure. Gianni Rigoni Stern, insieme a Roberta Biagiarelli che qui lo racconta, ha deciso di sostenere concretamente il difficile dopoguerra di Srebrenica, Bosnia orientale. E ha cominciato a portare le Rendene e a consegnarle alla gente: perché si può ricominciare da una mucca e in un posto a centinaia di chilometri si possono trovare le atmosfere di case e dei compaesani...

ECCO ALLORA LA    

TRANSUMANZA DELLA PACE                                                                      

Il documentario ha la durata di quasi 50 minuti. E' veramente interessante, coinvolgente, di una umanità fuori dal comune, un impegno non facile, insomma ha tutti i valori perchè non lo si debba perdere. Giovedi 22 novembre, tra le ore 18 e le ore 20, lo proietteremo al Cinematografo Comunale Sant'Angelo in Corso Garibaldi a Perugia. Dopo una breve presentazione seguirà il film e alla fine Gianni risponderà in un eventuale dibattito. Chi poi fosse interessato si potrà trasferire nella vicina Sala Miliocchi del Circolo Vivi il Borgo della Società Operaia di Mutuo Soccorso per una cena di solidarietà. I proventi verranno da noi tutti offerti per questo enorme e impegnativo progetto che l'amico Gianni, con l'aiuto di tanti, la moglie Lella in prima persona (e anch'ella presente), ha realizzato e sta realizzando, implementando quanto aveva inizialmente offerto.

 

Un grazie a tutti per la vostra preziosa presenza che mi auguro con il cuore che sia effettiva.

 

329 7336375
 

 


Daniele Crotti

Inserito domenica 18 novembre 2012


Commenta l'articolo "Quarantotto mucche in viaggio"

Commenti

Nome: Daniele
Commento: Partecipate numerosi. Anche questa è una forma di solidarietà per una popolazione, la bosniaca, che al pari di quella palestinese, ha subito moltissimo, moltissimo. Grazie a tutti voi che ci sarete e un grazie a a Gianni e Roberta che ci hanno fatto consocere più da vicino quanto successe anni addietro e quanto ora possiamo fare, insieme, ognuno nel suo piccolo. Ma già la presenza e prendere visione della cosa può essere un momento importante di crescita umana e di capire la storia. Grazie ancora a chi risponderà a questo nostro invito. Dino ne sarebbe orgoglioso, nel senso buono del termine. Davvero.

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4444162