29/01/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Mosè vien su che t'ho da dì 'n soché

Mosè vien su che t'ho da dì 'n soché
La Storia Sagra: episodi delle sacre scritture nella interpretazione dialettale di Maria Lorvich

Carissimi lettori,
 
Maria Lorvich, moglie del compianto "maestro" Bruno Orsini, ha da poco pubblicato un originale libriccino di poesie in dialetto perugino sicuramente accattivante.
L'opera è corredata da un cd in cui la stessa Maria recita alcune delle sue poesie in esso contenute.
Con la prefazione dell'amico Walter Pilini il libriccino racchiude 22 poesie tutte relative a "episodi delle Sacre Scritture liberamente interpretati" da Maria, "una popolana di Porta San Pietro", come ha sempre amato definirsi.
Bruno era cugino ed amico intimo coetaneo di mio padre e con loro, Bruno Maria e Luca, ho passato in gioventù momenti molto belli, e, molto più tardi, momenti vermante tristi e angoscianti. Questo a dire che zio Bruno, ormai da tempo scappato da questa Terra (così come lo sfortunato figlio Luca), e zia Maria, sono per me ancora ricordi e affetti sicuramente vivi. Ecco perché scrivo volentieri queste righe e sollecito il lettore ad acquistare questa simpatica opera.
 
Il Libro con CD, edito da Guerra Edizioni, ha il costo di 15 Euro. Potrebbe essere un simpatico regalo natalizio!
Come e dove TROVARLO o REPERIRLO? Beh, da Maria, che vive al San Martino, in via Pontani 15, 06128 Perugia. Questi i suoi recapiti telefonici: 075 36376 opppure 347 5520204
Scrive il Pilini nelle ultimissime righe della sua bella presentazione:
 
"Nel concludere questa nota, oltre al mio compiacimento, esprimo l'auspicio di veder pubblicate anche le altre poesie di Maria, a partire da quelle - e sono numerose - che costituiscono il nucleo di "Perugia ieri e oggi", perché ci restituiscono in versi uno spaccato della città che merita di essere conosciuto ed apprezzato da vecchie e nuove generazioni, nate qui o venute, in tempi diversi, da altrove, ovvero da tutti i Perugini di oggi e di domani".
 
Ho scelto questa poesia per stimolarvi nell'acquisto:
 
'L PRIMO MIRACOLO
 
'L primo miracolo divino
che fece Cristo fu a 'no sposalizio:
Lu' tramutò tant'acqua 'n tanto vino,
ch'ognuno se cavò del vin lo sfizio.
Qui pori sposi eron rimasti senza
e la Madonna, lia, se n'era accorta,
pregò ta 'l fiolo: - Abbici pazienza,
vede de rimediaje, pe 'sta volta...
E Gesù, ch'era tanto bon de core,
ta la su' mamma n' volle dì de no,
Lu fece 'sto miracolo d'amore
E 'l vin fu tanto che perfin n'avanzò.
Ma prima prima ce n'è stato 'n altro:
'n gran miracolo anche tisto tamanto,
nnel so si 'l fece Ddio o la natura...
'Sto miracolo nnel sò quan' cominciò,
certo tisto proprio nn'è cininino:
è quillo che com'adesso dirò,
che da 'n pò d'uva tira fori 'l vino.



Daniele Crotti


Inserito sabato 24 novembre 2012


Commenta l'articolo "Mosè vien su che t'ho da dì 'n soché"

Commenti

Nome: Nene
Commento: L'ho letto d'un fiato: è gradevole, simpatico, intelligente, e altro ancora. Ventidue originalissime poesie. Vi allego GESU' per augurarvi a ritroso il Buon Natale e in prospettiva (vicina vicina) un Buon anno Nuovo! GESU' - E' deciso, vè 'n Terra, te fè umano? - tal 'l su fiolo, Gesù, je chiese Dio. - Allora 'spetta, te darò 'na mano, sarè ricco, potente al paro mio. Sarè 'n Dio 'n Terra, al di sopra di re, pien d'oro, de brillanti e de potenza, sarè adorato, venerat come me, tutti t'ubbidiranno e avron temenza, - No! No! - l 'fermò Gesù - Cussì n' me piace Nun vojo fa paura, né terrore, nun vojo adorazione, vojo amore! Per questo vojo nasce porellino e pu cresciuto, vojo lavorà fra 'l popolo, fra quello più meschino: nco j umili, io umile vojo sta. - Me piasse 'n colpo - sclamò 'l Padre Eterno - - si tu 'n sé matto a dì 'ste cavolate! Me 'l sé dì quel che c'è drent'al cervello? Chi te l'ha messe 'n testa 'ste begiate? 'Sta gioventù di qui n' capisce gnente, cià sempre nto la testa l'illusione. Da' retta, cerca d'èsse 'ntelligente, da' retta, n'andà a fa tanto 'l cojone! Vole gì 'n terra a predicà l'amore, vole sdegnà i potenti e le ricchezze, povero èsse, senza 'l mi' favore? L' sé che succede a chi fa 'ste prodezze? Nto la vita 'sto poro disgraziato patisce pene grosse e delusioni, pu molto spesso viene 'mprigionato, je fonno anche torture e 'nquisizioni. E come va a finì? Te 'l dico chiaro: l' canzoneno e con fare assai feroce, l' bastoneno peggio ch'a 'n somaro e pu 'n ultimo l' apiccon ta la croce... - L' so, l' so - disse Gesù guardandol fisso, l' so anch'io, proprio per questo vo laggiù... sarò pistato e forse crocifisso, ma ognun prenderà forza da Gesù. L' so anch'io che al mondo vale la ricchezza, l' so anch'io che lì comanda l'arroganza, famme provà a 'nsegnaie la dolcezza, l'amor, la gioia de la fratellanza! Vojo portà 'n po' de consolazione, 'n po' de speranza ta quei disgraziati, quelli che soffron tante umiliazione: i poveri, j oppressi e j sfruttati. Vojo 'nsegnà l'amore col perdono, la carità e poi la tolleranza, vojo portà ta tutti 'n grande dono: porterò 'n dono immneso: La speranza! ACQUISTATELO: ne vale la pena e poi Maria se lo merita davvero!

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5009146