09/12/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Biomasse e biogas: i Comitati locali ricevuti al Consiglio regionale

Biomasse e biogas: i Comitati locali ricevuti al Consiglio regionale
Dopo il sit-in di protesta, disponibilità a venire incontro alle richieste dei cittadini sulle distanze degli impianti dai centri abitati


Comunicato stampa.


Con riferimento al comunicato acs qui sotto riportato, ringraziamo i Consiglieri Regionali  presenti all'incontro - oltre al Presidente Brega i capogruppo Dottorini (Idv), Stufara, (Prc- Federazione Sinistra), Goracci (Comunista Umbro), Cirignoni (Lega), che hanno aderito alla richiesta dei Comitati di portare al più presto all'esame del Consiglio la discussione  delle normative relative alla realizzazione di impianti a biomasse (in particolare per quanto riguarda la distanza dalle abitazione e le limitazioni dell'area da cui provengono le biomasse stesse).
Esprimiamo delusione e rincrescimento per la posizione dilatoria assunta dal Consigliere Locchi che a nome del Pd e del Psi e contro il parere di Dottorini e Stufara (Goracci non era presente alla riunione) ha richiesto un'ulteriore Conferenza dei Capogruppo per decidere se e quando inserire questo argomento all'Ordine del Giorno del Consiglio. Questa questione è quindi stata posta in discussione alla Conferenza Capogruppo di lunedì prossimo.
Cosa altro si deve aspettare? Nel frattempo continua la presentazione di richieste di autorizzazione per l'avvio di nuove centrali a biomasse.
Auspichiamo che, a seguito di scelte responsabili,  la Regione sia coerente nel promuovere lo sviluppo socio/economico del territorio secondo la linea Tac (Turismo, Ambiente, Cultura) salvaguardando contemporaneamente la sola e grande risorsa che abbiamo: l'unicità del paesaggio umbro in un ambiente salubre e non contaminato.

martedì 22 gennaio 2013 - 

Giorgio Foresti


Comitato Regionale Umbro Terre Nostre


[CRUmbria-News] ERRATA CORRIGE //// AMBIENTE: DISPONIBILITA' A VENIRE INCONTRO ALLE RICHIESTE DEI CITTADINI – I COMITATI LOCALI RICEVUTI A PALAZZO CESARONI DOPO IL SIT IN DI PROTESTA
*** IL TESTO CORRETTO DEL LANCIO ACS SULL'INCONTRO SVOLTOSI QUESTA MATTINA A
PALAZZO CESARONI.
(Acs) Perugia, 22 gennaio 2013 – Al termine della seduta odierna, il
presidente del Consiglio regionale ed alcuni consiglieri hanno ricevuto una
delegazione di cittadini in rappresentanza dei Comitati locali per
l'ambiente, che hanno effettuato un sit in di protesta fuori dall'Aula ed
hanno poi potuto esporre le loro ragioni nell'incontro successivo. I Comitati
lamentano ritardi da parte della Giunta regionale nel fornire chiarimenti e
risposte ad alcuni atti ispettivi presentati da consiglieri di maggioranza
che chiedono di rivedere le norme, giudicate troppo permissive, per
l'installazione di impianti a biogas e biomasse che, secondo loro, “stanno
devastando il paesaggio e l'ambiente della nostra regione”. Il presidente
del Consiglio regionale ed i consiglieri presenti all'incontro con i
cittadini si sono dichiarati disponibili a ridiscutere, nei limiti del
possibile, le problematiche oggi rappresentate, per arrivare poi ad un
pronunciamento dell'Aula fin dalla prossima seduta utile, dove si potrà
discutere una apposita mozione presentata da consiglieri di maggioranza.

L'assessore all'ambiente ha ricordato ai rappresentanti dei Comitati locali che la normativa che regola lo sviluppo delle fonti rinnovabili, tra cui le biomasse, è nazionale e alle Regioni spetta soltanto l'individuazione delle aree dove non si possono costruire gli impianti. Ad ogni modo la
regolamentazione dell'Umbria è la più rigida in Italia, con i vari
'paletti' messi sulle distanze dalle abitazioni, anche se i ricorsi già
presentati in altre regioni sono stati tutti vinti. L'assessore regionale
ha detto infine che: "La modifica delle distanze degli impianti dai centri
abitati è stata fatta dalla Giunta regionale in conformità con l'articolo
12 del regolamento anche su richiesta dei Comuni e a seguito della minaccia di ricorso da parte di vari soggetti del mondo agricolo, che avrebbe determinato il rischio di azzeramento delle distanze stesse nonché, in un eventuale contenzioso, anche il pagamento dei relativi danni". A conclusione dell'incontro l'assessore ha espresso disponibilità ad ulteriori confronti per ascoltare proposte o suggerimenti migliorativi, nei limiti di quanto possibile.
link alla notizia: http://www.consiglio.regione.umbria.it/node/39269 [1]



Comitato Regionale Umbro Terre Nostre

Inserito mercoledì 23 gennaio 2013


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4941958