09/12/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Situazione economica della nostra regione

Situazione economica della nostra regione
La risposta alle cattive gestioni è quella di privatizzare

                                                                             

Prendo atto che tutti i comunicati che  ci riguardano vengono  puntualmente ignorati salvo rare  occasioni.  Eppure cerchiamo di attenerci a fatti e documenti concreti e di interesse generale: In particolare  abbiamo dedicato le poche energie a disposizione  per denunciare  la cattiva gestione  delle  aziende pubbliche  dell'Umbria. I nostri appelli al controllo dei conti sono rimasti totalmente inascoltati. I nodi comunque stanno venendo al pettine  e strecciare i capelli  sarà molto ma molto doloroso. Facciamo il punto della situazione.
I VIGILI DEL FUOCO non hanno il gasolio per i mezzi
In molti enti pubblici le fotocopoatrici sono senza carta
1200 dipendenti delle ex comunità montane sono a rischio
450  dipendenti della WEBRED sono sull'orlo del baratro
1500 dipendenti di UMBRIA MOBILITA' sono in bilico su una azienda  che si vende o fallisce
700 dipendenti della GESENU vedono in pericolo lo stipendio
350 dipendenti di UMBRIA ACQUE  sono in preallarme
5000 dipendenti in mobilità da questo meseAggiungi un appuntamento per questo mese non avranno il sussidio
iI commercianti sono con un piede nella fossa
Entra in vigore la nuova tassa della nettezza urbana  con una previsione di un aumento del 240%
Aumenta l'IVA
L'AEROPORTO  inaugurato un mese fa in pompa magna nella coincidenza della morte di GAE AULENTI che ha contribuito a rendere ancora più spettacolare l'evento, oggi viene cancellato e restituito alla completa gestione della regione che dovrà farsi carico  di tutte le spese di gestione compresi i vigili del fuoco e i controllori  di volo. La probabile risposta della regione sarà un altro autista di assessore messo alla presidenza della Sase
regione cosa fa? stanzia altri 600 mila euro per il premio di produzione dei mega dirigenti. Anno scorso erano più di 2 milioni.
La risposta alle cattive gestioni è quella di privatizzare a tutta menetta quasi che i soci privati fossero OPERE PIE e non società strutturate per fare utili per i proprietari e soci. E' mai possibile che una regione piccola e concentrata come l'Umbria con soli 880 mila abitanti non abbia le risorse umane per autogestirsi?  I GIORNALISTI  POTREBBERO DARE UNA MANO PER ARGINARE I VANDALI CHE ABBIAMO DENTRO E FUORI REGIONE.
 grillo parlante



Federazione regionale dei Verdi

Inserito venerdì 1 febbraio 2013


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4942266