20/01/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> La politica non ascolta i cittadini

La politica non ascolta i cittadini
Le forze politiche hanno perso l’ennesima occasione per difendere il bene comune

Il coordinamento regionale Umbro TERRE NOSTRE esprime il proprio disappunto e sdegno per il risultato, al Consiglio Regionale di martedì 5 febbraio, delle votazioni sulle due  mozioni  riguardanti il ripristino delle distanze da 300 a 500 metri delle centrali a biogas e biomasse dai centri abitati e edifici storici. 
Le numerose mobilitazioni dei cittadini di varie località dell’Umbria interessate da tali impianti, la  logica della rappresentanza della democrazia,  nonché la presenza dei comitati stessi alla riunione del consiglio regionale, facevano sperare in un ripensamento sulle scelte effettuate sino ad oggi dalle Istituzioni.
Invece, dopo già aver preso in giro i comitati ed i cittadini con i tanti rinvii della discussione delle mozioni, il voto ha evidenziato la palese volontà della maggioranza delle forze politiche di confermare le attuali normative, giudicate dalle popolazioni fortemente negative e dannose per l’ambiente, il territorio e la salute.
Tutto questo con grandi contraddizioni tra le forze politiche tali dall’aver mandato in minoranza la maggioranza che ha avuto sulla propria mozione 14 voti favorevoli, 5 contrari e 10 astenuti (valsi come voti contrari) e aver bocciato nettamente la mozione del consigliere Stufara, più sensibile alle richieste dei comitati.
Da sottolineare la riunione a porte chiuse tra  Pd e Psi, con l’esclusione, quindi, di una parte della maggioranza stessa (Prc, Idv e Gruppo Misto ) nella quale di  fatto i consiglieri del Pd Barberini, Smacchi e Galanello, hanno fatto un passo indietro rispetto alla mozione iniziale presentando un ordine del giorno privo di contenuti significativi.
Le forze politiche hanno perso l’ennesima occasione per difendere il bene comune ancora una volta a vantaggio di interessi privati e speculativi.
I comitati, preso atto di non essere rappresentati dalle Istituzioni, continueranno comunque la loro battaglia a difesa dei territori, della salute e del paesaggio con imminenti iniziative a carattere regionale e nazionale.



Coordinamento Regionale Umbro Terre Nostre

Inserito domenica 10 febbraio 2013


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4451692