24/03/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Università: a rischio i fondi per il funzionamento dell'ateneo

Università: a rischio i fondi per il funzionamento dell'ateneo
Lo stallo causato dal blocco delle elezioni mette a rischio la didattica, la ricerca e il futuro degli studenti della maggiore azienda della nostra Regione. Il commissariamento non giova a nessuno. La politica eviti strumentalizzazioni per scopi elettorali
L'Università di Perugia ha bisogno di un nuovo slancio e per questo non può rischiare di perdere una parte consistente dei 18 milioni di euro della quota premiale del fondo ordinario. Occorre che tutti facciano un passo indietro e si esca dalla situazione sulla quale l'Ateneo si è impantanato.
La quota premiale del fondo di finanziamento ordinario  è assolutamente necessaria al funzionamento delle strutture soprattutto in un periodo di scarsità globale di risorse alternative. Da quella cifra dipende, per esempio, una parte dei 2500 stipendi erogati dall’ateneo e ci preoccupa vedere come logiche che nulla hanno a che fare con quelle accademiche possano mettere a rischio, vanificandola, la virtuosità della didattica e della ricerca che deve essere considerata un patrimonio prezioso per la nostra regione e per la città di Perugia. Un momento di profondi cambiamenti come quello che il sistema universitario nazionale sta attraversando andrebbe sfruttato per catalizzare nuovi stimoli e nuovi entusiasmi, soprattutto nel reclutamento di nuove forze e nuove potenzialità. La perdita della quota premiale va in tutt'altra direzione rischiando di mettere in ginocchio anche il funzionamento minimo ed il lavoro ordinario svolto dalle facoltà.
È auspicabile una presa di posizione cosciente di tutte le parti coinvolte affinché superino attraverso il buonsenso e la dialettica politica lo stallo dei ricorsi fugando immediatamente lo spettro e l'onta di un commissariamento, che non gioverebbe a nessuno. Ci risulta che delle proposte siano già sul tavolo, ora ci aspettiamo un atto di responsabilità, da parte di tutti, affinché queste idee diventino azione concreta sbloccando la statica palude in cui sembrano affossarsi le sorti della più grande azienda regionale. Infine responsabilità si chiede anche ad una parte del mondo politico affinché eviti di utilizzare la situazione per scopi elettorali che esulano dagli interessi accademici, da quelli della ricerca e dalle prospettive di futuro di migliaia di studenti.




Oliviero Dottorini

Inserito giovedì 30 maggio 2013


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4550840