22/03/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Biomasse: regole certe e condivise, nell'interesse della collettività

Biomasse: regole certe e condivise, nell'interesse della collettività
"Buconi studi la materia, poi ne riparliamo"

“E' grazie a certi atteggiamenti arroganti e supponenti che oggi le biomasse sono ferme al palo, incontrando l'opposizione non solo di comitati, ma anche di sindaci e amministratori locali. Se invece di arrampicarsi in improbabili difese d'ufficio, Buconi provasse a studiare la materia, scoprirebbe che la credibilità non la si conquista gridando, ma attraverso regole certe e condivise, assunte nell'interesse della collettività. Cosa che ad oggi purtroppo in Umbria non è. Forzature e insensibilità ai temi ambientali rischiano di compromettere definitivamente le potenzialità che fonti rinnovabili e green economy potrebbero avere per un futuro sostenibile dell'Umbria. Questo pensiamo e questo continueremo a dire per evitare che la maggioranza continui a sbandare in modo così clamoroso su un tema che a noi sta molto a cuore”. E' la risposta del consigliere regionale Oliviero Dottorini alle “esternazioni del portavoce dell'assessore Rometti” Massimo Buconi.



Oliviero Dottorini

Inserito giovedì 6 giugno 2013


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4547034