22/05/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Esploratori di energia? No, grazie

Esploratori di energia? No, grazie
I comitati del Coordinamento Umbro Terre Nostre non ritengono di alcuna utilità la visita guidata ad alcuni impianti modello scelti ad hoc per sviare l’attenzione della popolazione dalle vere problematiche create da una sfrenata e incontrollata corsa al biogas e alle biomasse

Il Coordinamento Regionale Umbro Terre Nostre declina l’invito della Regione Umbria a partecipare alla visita organizzata per il 26 ottobre p.v. nell’ambito del progetto Energy Explorer, progetto di sensibilizzazione ed informazione sugli impianti a biogas e biomassa.
“Riteniamo che gli impianti da visitare non siano rappresentativi della realtà in merito alla realizzazione e gestione degli impianti, ma rappresentino pura propaganda per l’uso di tecnologie per la realizzazione di impianti ancora ad oggi autorizzati in violazione di legge a danno dell’ambiente e della salute dei cittadini”, dichiara Valeria Passeri, Presidente del Coordinamento. “Ad oggi infatti tali impianti sono autorizzati in violazione del diritto comunitario in materia di Valutazione d’impatto ambientale (Via) e di Convenzione di Aarhus nel diritto di partecipazione ed informazione dei cittadini nelle scelte che riguardano il territorio e quindi l’ambiente in cui vivono” continua Valeria Passeri.
Il Coordinamento Regionale Umbro Terre Nostre nella riunione tenutasi lo scorso 3 dicembre 2012 con l’Assessore Rometti, aveva evidenziato una serie di problematiche dell’attuale normativa regionale disciplinante le modalità per la produzione di energia da fonti rinnovabili ed avanzato una serie di richieste affinché la Regione Umbria modificasse la normativa di riferimento ai fini dell’adeguamento alla normativa comunitaria in materia di Via, di Vas e diritto di partecipazione dei cittadini, nonché per la verifica delle effettive esigenze di produzione di energia da Res nel rispetto dell’ambiente e della salute dei cittadini.
Ad oggi, su tali richieste, non è pervenuta nessuna risposta da parte della Regione.
I comitati afferenti al Coordinamento Umbro Terre Nostre non si sono mai sottratti al confronto e al  dialogo con le istituzioni, ma non ritengono di alcuna utilità la visita guidata ad alcuni impianti modello scelti ad hoc per sviare l’attenzione della popolazione dalle vere problematiche create da una sfrenata  e incontrollata corsa al biogas e alle biomasse. Un confronto serio e costruttivo richiederebbe come punto di partenza  una risposta alle concrete ed articolate richieste formulate dopo l’incontro del 3 dicembre 2013.



Coordinamento Regionale Umbro Terre Nostre

Inserito mercoledì 23 ottobre 2013


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4650725