21/08/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Psicoterapia: effetti integrati, efficacia e costi-benefici

Psicoterapia: effetti integrati, efficacia e costi-benefici
Cosa permette a qualsiasi psicoterapia di funzionare a prescindere dal modello utilizzato? Qual è la matrice comune a questi metodi di cura? Per quali problemi e perché sono efficaci? Un libro, un incontro: Mercoledì 23 Ottobre


Incontro sul tema: Psicoterapia: effetti integrati, efficacia e costi-benefici
Volume a cura di David Lazzari (Tecniche Nuove 2013)
Intervengono:
Dott. Franco Tomassoni (Assessore alla Salute Regione Umbria)
Dr. Imma Tomay (Presidente Ordine Psicologi Umbria)
Prof. Francesco Bottaccioli (Fondatore e presidente on. Sipnei, Docente Univ.)
Dr. Rosella De Leonibus (Psicoterapeuta e didatta G.T. – socia Sipnei)
Coordina: Dr. Flavia Febbraro (Psicoterapeuta – Dirigente Az. Osp. Perugia)
Sarà presente l’Autore.
Perugia - Mercoledì 23 Ottobre, ore 17 Palazzo Consiglio Regionale (P. Italia) – Sala Partecipazione

Cosa permette a qualsiasi psicoterapia di funzionare a prescindere dal modello utilizzato? Qual è la matrice comune a questi metodi di cura? Per quali problemi e perché sono efficaci? Il libro presenta i dati aggiornati e disponibili della ricerca scientifica relativi all’azione della psicoterapia sull’individuo ed in particolare sul cervello e sull’organismo, sui disturbi e patologie psichiche e fisiche. Ne emerge un quadro di sintesi e una visione integrata che mostrano le grandi potenzialità e la necessità di un nuovo ruolo per questa forma di cura, l’opportunità di considerarla non una “cura della psiche” ma più correttamente una “cura attraverso la psiche”.

La Psicoterapia vista dalla Pnei: uno sguardo integrato basato sui dati della ricerca
La filosofia della Sipnei è quella di guardare alle relazioni, sinergie e interdipendenze tra corpo, mente e contesto, nella salute e nella malattia, così come nelle diverse cure. Pur rispettosi dei linguaggi delle singole scienze e dei diversi approcci, cerchiamo di integrarli in cornici di più ampio respiro, animando e dando valore a quelle zone di confine che per noi non sono mai “terre di nessuno”. Fedeli a questa impostazione abbiamo applicato lo stesso rigore e lo stesso approccio al vasto campo della psicoterapia, per vedere e capire cosa oggi può dirci una analisi integrata di questi trattamenti.
La scelta è stata quella di osservare questa forma di cura “dall’esterno”, con lo sguardo il più oggettivo possibile delle evidenze, prodotte non solo dalla ricerca psicologica ma anche dalle neuroscienze, e soprattutto da coloro che hanno analizzato i fattori di efficacia sia a livello di mente che di organismo e a prescindere dal modello adottato.  Da anni si è cominciato a porre interrogativi e cercare risposte sui “fattori comuni” che incidono nelle diverse forme di Psicoterapia e sul loro peso specifico nel determinare i risultati del trattamento, su qual è il peso della relazione o delle aspettative del paziente. I risultati di queste ricerche indicano in modo convincente che le variabili che sono presenti in tutti gli approcci (anche se variamente denominate), costituiscono non solo una base unitaria e meta-modellistica comune a tutte le terapie, ma ne rappresentano la maggior parte degli elementi di efficacia, per ogni tipo di paziente e per ogni tipo di problema.
Con questo non si vuole certo proporre un superamento tout court o una banalizzazione delle diverse tradizioni ma segnalare la necessità di un confronto complessivo con questi dati per favorire una revisione critica dei modelli teorici ed operativi. Per condividere il dato che - anche se ogni scuola privilegia e sottolinea aspetti parzialmente diversi - il funzionamento psicobiologico dell’individuo risponde a regole unitarie ed integrate e queste non possono che essere il fondamento di ogni processo di cura. Ciò costituirà non solo un ormai irrinunciabile avanzamento teorico e culturale, ma anche una notevole opportunità (o forse un passaggio obbligato) per un utilizzo più vantaggioso di questo tipo di cura, potendo modulare il trattamento in base alle esigenze del singolo individuo e della sua specifica situazione (criterio dell’appropriatezza). La svolta attesa è da una terapia centrata sulla teoria e sul modello ad una terapia centrata sul paziente.
I dati riportati nel volume mostrano come l’idea tradizionale che la terapia psicologica agisce sulla mente ed i farmaci sul cervello (e quindi sul corpo) è ormai da archiviare, e giustificano appieno la proposta del volume di considerare la Psicoterapia come “cura attraverso la psiche” e non solo come “cura della psiche”. Analogamente, un’altra visione tradizionale appare meritevole di superamento: quella della Psicoterapia come cura costosa (e comunque più onerosa di altre) e per pochi. Le analisi costi-benefici riportate nel volume mostrano una realtà ben diversa e forse sorprendente per molti.
Il volume si articola in tre sezioni. La prima colloca questa forma di cura in un contesto storico e scientifico di integrazione e interdipendenza tra mente, corpo e ambiente (D. Lazzari). In questa sezione si inserisce il contributo teorico del Prof. Sluski, che è stato uno dei fondatori e direttore del Mental Research Institute di Palo Alto, California. La seconda sezione declina il quadro generale presentato nella sezione precedente mediante approfondimenti dei fattori comuni di efficacia (F. Del Corno), del ruolo dei processi di attaccamento nella relazione terapeutica (F. Baldoni), dell’azione sul Sistema Nervoso Centrale (Andrea Minelli), del confronto con la cura farmacologica (T. Giraldi), dell’uso nel trattamento dei disturbi a presentazione somatica e delle patologie fisiche (Piero Porcelli), delle peculiarità negli interventi super-individuali e familiari (M. Andolfi). In questa sezione viene altresì presentato un esempio paradigmatico di psicoterapia che ha integrato creativamente apporti derivati da diversi modelli e da una visione mente-corpo, ovvero l’Emdr (I. Fernandez e A. Baroni). Infine, nella terza sezione vengono presentati i dati relativi alla efficacia delle diverse forme di Psicoterapia (R. Cardone e M. Mambelli) e alla sua “efficienza”, cioè la capacità di produrre risultati in rapporto alle risorse investite (F. Amaddeo e V. Donisi), anche in relazione ad altri trattamenti (farmaci, cure mediche), al non trattamento e al placebo, nei disturbi psichici così come nelle malattie fisiche (D. Lazzari).
(Presentazione dell’Autore)

PSICOTERAPIA: EFFETTI INTEGRATI, EFFICACIA E COSTI-BENEFICI A cura di David Lazzari
Pagine 330. Euro 29,90
Collana: Nuovo Paradigma, Tecniche Nuove, Milano 2013




Inserito mercoledì 23 ottobre 2013


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4772221