12/12/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> È il momento degli auguri!

È il momento degli auguri!
Così anche quest’anno siamo arrivati agli auguri. È un rito cui sembra non ci si possa esimere. Allora ho pensato di inviarli anch’io. A tutti. Questa volta però...

...la tradizione coincide con l’avvio della campagna elettorale per il rinnovo delle amministrazioni locali. Quindi è anche il momento delle rendicontazioni. Dico subito che, salvo eventi straordinari, questa volta ho proprio deciso di non partecipare al voto. Nel senso che mi tiro fuori dal solito gioco delle parti in cui i favorevoli si confrontano con i contrari. Vincono i favorevoli e i contrari si salvano l’anima garantendo la serietà delle scelte. In realtà davanti a certe decisioni la scelta ambientalista non può nemmeno confrontarsi. Quest’ultimo periodo, inoltre, si è caratterizzato con l’epurazione dell’intero direttivo del circolo di Legambiente di Perugia decisa dalla dirigenza nazionale. Il motivo? La troppa autonomia vertenziale. Da leggere come un eccessivo rifiuto all’uniformazione dell’associazione con il sistema politico nazionale. Un’ assurdità incomprensibile che contrasta con il significato stesso di un’associazione del volontariato ambientalista che non dovrebbe perseguire nessun condizionamento. Né favorire il solito cursus honorum. Comunque, tanto per ricordarlo , soprattutto a me stesso, le questioni di cui mi sono occupato più direttamente ,anche se inutilmente, sono iniziate nella vecchia polemica contro le attività zootecniche. Legittime, se si sviluppano seguendo regole precise e non causando disagi e inquinamento delle falde acquifere. Poi sono venute altre occasioni di scontro contro il progetto di trasformazione della E45 in autostrada e la realizzazione del cosiddetto NODO di Perugia. Contro l’enorme consumo di suolo, la distruzione di aree agricole di pregio con nuove megacementificazioni e il conseguente dissesto idrogeologico. La continua pressione nei confronti di Regione, Provincia e Comune perché si decidessero dopo trent’anni alla definizione di un Parco Fluviale Territoriale sul Tevere. Ecc…. Tutte questioni, come si vede, che muovono forti interessi fondiari, gravi convergenze fra potere pubblico e potere privato. Un groviglio di interessi contro i quali evidentemente è del tutto inutile confrontarsi.
 



Lauro Ciurnelli, Ambientalista

Inserito giovedì 26 dicembre 2013


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4945227